8 Settembre Set 2018 2112 08 settembre 2018 Aggiornato il 25 febbraio 2019

Chi è Olivia Colman, miglior attrice a Venezia 2018

Dopo la Coppa Volvi, la sua interpretazione della fragile e instabile Anna Stuart in The Favourite del greco Lanthimos le è valsa anche l'Oscar 2019.

  • ...
Chi E Olivia Colman The Favourite

Non le è bastata la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile alla 75esima edizione della Mosta del cinema di Venezia. L'anno d'oro di Olivia Colman continua sempre grazie al ruolo ne La Favorita, film uscito in Italia il 24 gennaio 2019, a un mese preciso dalla notte degli Oscar. Notte che ha consacrato il successo dell'artista, poco conosciuta per ora in Italia, ma tra le più influenti della televisione inglese. La 45enne ha conquistato infatti anche la prestigiosa statuetta come miglior attrice protagonista, sbaragliando l'agguerrita concorrenza di Glenn Close, Lady Gaga, Melissa McCarthy e Yalitza Aparicio. Sul palco per ritirare il premio, Colman ha tenuto un discorso pieno di emozione e ironia. Ha ringraziato le compagne di set Emma Stone e Rachel Weisz, e ha dedicato un pensiero affettuoso a Glenn Close: «Sei stata il mio idolo per tanto tempo». Poi ha ricordato i tempi in cui faceva l'addetta alle pulizie: «'Amavo quel lavoro, ma ho sempre immaginato questo momento». Parole che il pubblico ha premiato con una standing ovation.

VINCITRICE LA FAVORITA

Al fianco della Colman nella pellicola ci sono appunto Emma Stone e Rachel Weisz dirette dal greco Lanthimos, regista di The Lobster e Il sacrificio del cervo sacro. Il titolo fa riferimento alla competizione fra due dame di corte Abigail Masham (la Stone) e Sara Churchill (Weisz) per conquistare i favori della regina Anna Stuart, ultima della sua famiglia a occupare il trono inglese. Una pellicola tutta al femminile, dove, al triangolo amoroso messo in scena dalle protagoniste, fanno da sfondo i conflitti fra Gran Bretagna e Francia.

UN FUTURO CON LA CORONA IN TESTA

Curioso che la Colman abbia conquistando nomination e premi con un film in cui recita i panni di una regina, Anna Stuart, proprio mentre si appresta a vestire i panni di un'altra sovrana britannica, molto più recente e stabile: l'amatissima Elisabetta II. La vedremo, infatti, al posto di Claire Foley in The Crown, la serie di Netflix che racconta le vicende della famiglia reale inglese. L'attrice, classe 1974 e rigorosamente british, ha già alle spalle tre premi BAFTA, i più importanti riconoscimenti d'Oltremanica, e un Golden Globe, vinto per la sua interpretazione in The Night Manager.

L'ATTENZIONE PER LA MENTE FEMMINILE

Nelle varie interviste rilasciate durante i giorni della Mostra del Cinema di Venezia, Colman ha detto di essere stata fortunata a interpretare un ruolo come quello di Anna Stuart, una donna fragile, insicura e debole su cui gravava il privilegio e il peso di un potere enorme, con cui dovette imparare a convivere per tutta la vita. Quello della salute mentale è sempre stato un tema molto caro all'attrice inglese, che nel 2013 aveva preso parte ai Mind Media Awards per premiare le migliori rappresentazioni di disturbi e problemi psicologici nel mondo del cinema e della televisione. «L'industria dei media ha un'enorme influenza e da essa deriva anche un'enorme responsabilità per contrastare lo stigma che ancora circonda questa tematica», aveva dichiarato in quell'occasione. In quanto mamma e personaggio pubblico, non ha mai nascosto, poi, di aver sofferto di depressione post parto, condividendo la sua esperienza sperando di aiutare altre donne che hanno affrontato la stessa condizione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso