31 Agosto Ago 2018 1259 31 agosto 2018

Il poliziotto che ha insultato la ragazzina stuprata a Jesolo

Il post di un agente in servizio: «Quelle come lei pensano di rimediare una canna facendo servizietti agli spacciatori, poi piangono perché le stuprano».

  • ...
Stupro Jesolo Poliziotto Facebook

Una ragazzina di 15 anni stuprata su una spiaggia di Jesolo dopo una serata in discoteca con gli amici, in libera uscita durante una vacanza con i genitori. È successo mercoledì 22 agosto, mentre il suo aggressore, un 25enne senegalese, è stato arrestato tre giorni dopo. E se di fronte a un fatto di cronaca come questo si resta indignati e arrabbiati, la rabbia sale ancora di più quando capita di leggere commenti vergognosi come quello scritto su Facebook da un poliziotto in servizio al commissariato di Adria (Rovigo), nonché ex dirigente di un sindacato, il Coisp di Rovigo. «Queste ragazzine pensano di rimediare una canna facendo servizietti veloci agli spacciatori...poi trovano quello che invece vuole il servizio completo e allora piangono perché le stuprano...storia vecchia come il mondo», sono le parole inquietanti dell'uomo. Il post, insieme ad altri contro Stefano Cucchi o Laura Boldrini, è stato scovato dalla giornalista Selvaggia Lucarelli che ha pubblicato lo screenshot sulla propria pagina Facebook. «Si esprime così, sulla sua pagina fb APERTA, su Stefano Cucchi e il film su di lui, sulle ragazzine violentate, sulla Boldrini, sui migranti, sulla guardia costiera, sull’ambasciatrice di Malta definita mignotta e così via». C'è da chiedersi, come ha fatto la Lucarelli, se i colleghi di Mauro Maistro - questo il suo nome - non si siano accorti di nulla: «Perché al di là della sua visione del mondo che è deprimente, ci sono frasi diffamatorie e, soprattutto, passa l’idea che se vai a denunciare uno stupro da lui ti riterrà una mitomane o una drogata». Un'associazione che condanniamo fortemente. Perché la colpa non è mai della vittima.

Lui è Mauro Maistro, Segretario del sindacato indipendente di polizia di Rovigo (risulta qui:...

Geplaatst door Selvaggia Lucarelli op Donderdag 30 augustus 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso