30 Agosto Ago 2018 1631 30 agosto 2018

Ronan Farrow ha parlato del caso Argento-Bennett

Il giornalista del New Yorker, che intervistò l'attrice su Weinstein, ha rotto il silenzio: «È un falso argomento. Anche se fosse colpevole, resterebbe comunque una vittima».

  • ...
Ronan Farrow Asia Argento

Era stato Ronan Farrow, il giornalista figlio di Woody Allen e Mia Farrow, a intervistare a ottobre 2017 Asia Argento sul New Yorker sul caso Harvey Weinstein, facendo nascere così uno dei primi simboli del movimento #MeToo. Ora, dopo quasi due settimane di silenzio sullo scandalo Argento-Bennet, ha finalmente detto la sua, sostenendo che «le vittime possono anche essere a loro volta colpevoli».

«ANCHE SE COLPEVOLE, UNA VITTIMA RESTA TALE»

Farrow, intervenendo al Festival degli Scrittori di Melbourne in Australia, ha rifiutato di entrare nei dettagli dello scandalo che ha visto Asia passare dal ruolo di grande accusatrice di Weinstein a quello dell'accusata per aver fatto sesso con Jimmy Bennett, un ex attore bambino, quando lui era ancora minorenne. Secondo il giornalista, «è un falso argomento» suggerire che le donne non dovrebbero essere credute perché a loro volta sono state accusate di comportamenti illegali. «Harvey Weinstein», ha ricordato, «è stato accusato di aggressioni sessuali da decine e decine di donne. L'idea che questa condotta da parte delle vittime invalidi la conversazione su stupri e violenze non è seria». Indipendentemente dal New York Times, a ottobre Farrow aveva messo in piazza sul New Yorker lo scandalo Weinstein aprendo un vaso di Pandora di altre accuse che alla fine hanno portato l'ex potente produttore sul banco degli imputati. Asia era stata una testimone chiave dell'inchiesta di Farrow, e una delle prime determinata a parlare senza la protezione dell'anonimato. Intanto sulla Fox è uscita allo scoperto Rain Dove, la modella intersex che da qualche mese è la compagna di Rose McGowan. È stata lei a consegnare alla polizia sms in cui Asia conferma di aver fatto sesso con Bennett.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso