Scandalo Weinstein

Scandalo Weinstein

7 Agosto Ago 2018 1715 07 agosto 2018

Valeria Golino ha detto di essere stata molestata da Harvey Weinstein

In un'intervista l'attrice rivela di aver subito abusi da quello che è stato definitto l'orco di Hollywood: «Con me lo stesso atteggiamento descritto dalle altre vittime».

  • ...
Golino Weinstein Molestie 2

Anche Valeria Golino si iscrive all'elenco delle vittime di molestie da parte Harvey Weinstein. In una lunga intervista concessa a Il Fatto Quotidiano ha rivelato come anche con lei 'l'orco di Hollywood' abbia tenuto «gli stessi comportamenti descritti da altre attrici», come non sia sollevata di vederlo in manette «perché è diventato la personificazione del male, ma in di carriera molti altri hanno avuto atteggiamenti simili», e perché abbia scelto di non denunciare quanto successo.

«STO VIVENDO UN #METOO PERSONALE»

«Avrei dovuto denunciarlo a suo tempo, o ne avrei dovuto parlare, e invece sono rimasta zitta per mille motivi», ha raccontato nell'intervista. «Ho scelto di non parlarne perché credo che a questo punto sia inutile, quindi sto vivendo un #MeToo personale, una riflessione con me stessa. Ci penso e mi analizzo».

«IN 30 ANNI DI CARRIERA NON È STATO L'UNICO»

«Sono più di 30 anni che sono nel mondo del cinema, e lui è stato una delle tante persone incontrate con questo tipo di atteggiamento, e di volta in volta mi sono barcamenata per non vergognarmi di me», ha proseguito l'attrice, aggiungendo.
Golino però ha anche tenuto a fare dei distinguo e precisare quale sia stata la sua esperienza personale con altri vip del cinema americano i cui nomi sono finiti nella bufera
«In carriera ha incontrato altri attori accusati, come Dustin Hoffman, Charlie Sheen e Quentin Tarantino: nessuno di questi è stato molesto. Anzi. Quindi non so cosa pensare».

«IMPERDONABILE L'ABUSO DI POTERE»

Ieri davanti alla macchina, oggi anche dietro - da regista ha appena diretto Euforia con Riccardo Scamarcio e Valerio Mastandrea (nelle sale dal 25 ottobre) – ha quindi concluso: «L'abuso di potere è imperdonabile, mettere la sessualità, il sesso per ottenere è una vergogna, e non la perdono a nessuno; però è necessario tenere conto di un dato: 30 anni fa c'era un'altra percezione di questi episodi, quello che oggi incaselliamo in un modo, allora veniva derubricato a parte del sistema».
Golino ha scelto di far parte di Dissenso comune, «perché è giunto il momento di cambiare certe situazioni, e poi voglio aiutare tutte le donne a non vergognarsi come è capitato a me, a non provare quello che ho provato io».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso