We Can Do It!

Diritti

6 Agosto Ago 2018 1214 06 agosto 2018

Il Giappone discrimina le donne medico

La facoltà di medicina dell'università di Tokyo avrebbe falsato i test di ammissione a favore dei maschi. Le ragazze, tra gravidanze e figli, faticherebbero a tenere i ritmi di un ospedale.

  • ...
Giappone Gender Gap Università Di Tokyo

Che il Giappone non sia un Paese per donne è noto da sempre. Ma i fatti di cronaca riportati dal quotidiano conservatore Yomiuri Shimbun vanno aldilà di qualsiasi previsione. In una società che dovrebbe essere moderna. La facoltà di Medicina dell’università di Tokyo è infatti sotto indagine per aver alterato i risultati dei test di ammissione alla facoltà per favorire l’ingresso degli uomini. Secondo quanto riportato dalla stampa giapponese la manomissione dei punteggi sarebbe iniziata nel 2011 a seguito dei risultati dell'anno precedente che aveva assegnato alle donne il 40% dei posti (il doppio rispetto al 2009).

LE DONNE SI CURINO DEI FIGLI

Da allora l’università avrebbe manomesso i test delle candidate per abbassare la quota di iscritte fino al 30%. Nel 2018, ad esempio, su 1596 applicanti di sesso maschile e 1018 di sesso femminile, sono entrati l'8,8% dei maschi e appena il 2,9% delle donne. Il motivo l'avrebbero dato fonti anonime dello stesso ospedale: le donne, tra gravidanza e cura dei figli, lavorano di meno e non riescono a sostenere i turni. «Una discriminazione ingiusta contro le donne in un esame di ammissione non può essere accettata», ha detto il ministro dell'istruzione Yoshimasa Hayashi, che ha aperto l’indagine contro l’università.

LA WOMENOMICS

E dire che uno dei cavalli di battaglia del primo ministro Shinzo Abe sono le politiche che vogliono favorire le quote rosa nel mercato del lavoro. La riforma battezzata womenomics è ormai entrata nel sesto anno, ma con poco successo. Il premier sostiene che dal 2012 l'ingresso delle donne nel mercato del lavoro è aumentato di un punto percentuale l'anno arrivando al 66%.

L'ENORME GENDER GAP

Ma nel 2017 il Giappone è stato 114esimo su 144 posizioni nella classifica sull'eguaglianza di genere in del World Economic Forum, scendendo di tre posizioni rispetto all'anno precedente. Le donne guadagnano in media il 25% in meno delle loro controparti maschili. E per la Banca mondiale è all'ultimo posto tra i Paesi ricchi per la rappresentazione femminile in politica. Appena il 9% dei seggi della Camera bassa del parlamento è occupato da donne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso