23 Luglio Lug 2018 1527 23 luglio 2018

Il fenomeno Emelia Holden, la cameriera che ha reagito alle molestie

Un cliente l'ha palpeggiata e lei l'ha steso a terra. Il video è diventato virale trasformando la 21enne in una moderna eroina da imitare. 

 

  • ...
Emelia Holden Molestie Video

Erano quasi le 11 di sera. Emelia Holden, 21 anni, stava finendo il suo turno come cameriera in un locale di Savannah, Stati Uniti, quando ha sentito una mano sulle natiche. Lei ha subito reagito, sbattendo a terra il cliente molesto, il 31enne Ryan Cherwinski. «Non mi devi toccare», gli ha detto. Tutto questo succedeva il 30 giugno 2018 e veniva ripreso dalle telecamere di sorveglianza. Nessuno ne avrebbe parlato se il video non fosse finito sul web diventando virale. Mamme che mostrano le immagini alle loro bimbe, amiche che passano il link nelle chat di Whatsapp, testate giornalistiche che lo mettono nelle loro homepage. Non solo. Perché, come ha spiegato lei ad alcune testate americane, la clip ha spinto tante donne a condividere il racconto di episodi simili. Altrettante l'hanno contattata dicendole che avrebbero fatto tesoro della sua reazione, apparentemente a sangue freddo, se in futuro si fossero (ri)trovate in situazioni simili. Un appoggio che ha commosso la 21enne americana.

Ad Emelia, in un anno e mezzo di lavoro presso la pizzeria Vinnie Van Go-Go’s, non era mai successa una cosa simile. «Posso tollerare alcune cose, ma questo no», ha raccontato lei. Era però successo ad alcuni colleghi che non avevano potuto sporgere denuncia perché non c'erano prove sufficienti. Per questo è stata installata la telecamera che ha ripreso puntualmente la molestia sessuale permettendo di arrestare e accusare Cherwinski dopo le urla della donna. Circordato dai cuochi e dagli altri camerieri, all'arrivo della polizia lui, che era nel locale con la moglie, ha tentato di arrampicarsi sui specchi: «Stavo solo cercando di farmi strada», si è difeso. Ma il video l'ha smentito. «Era un tocco troppo intimo, pensavo fosse uno scherzo di un'amica», ha continuato la giovane che non ha mai avuto paura di ripercussioni sul lavoro sicura del supporto dei proprietari, dei colleghi e dei clienti. Che hanno iniziato ad essere più gentili con lo staff della pizzeria e più generosi con le mance. C'è stato addirittura un istruttore di arti marziali che ha offerto loro una lezione gratuita (N.B. Emelia, a dispetto di quello che si potrebbe pensare guardando il video, non ha alcun tipo di preparazione nel combattimento corpo a corpo). «Spero che questo episodio ricordi a tutti che i camerieri sono persone che cercano di guadagnarsi da vivere», ha concluso lei.

Emelia Holden.

UN #METOO PER LE CAMERIERE

Nonostante il movimento #MeToo abbia fatto molto in altri settori, quello della ristorazione e delle molestie subite dal personale di sala rimane un tema abbastanza inesplorato come fa notare il New York Times che ha raccolto le storie di più di 60 camerier* e barist* che hanno reagito ai quotidiani commenti rudi e violenze da parte dei clienti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso