Sessismo

Sessismo

27 Giugno Giu 2018 1236 27 giugno 2018

In Libano c'è una polemica sessista sulle poliziotte di Brummana

Short neri e berretto rosso: una divisa molto strana per un vigile urbano. Eppure le donne, a differenza degli uomini, devono vestirsi così.

  • ...
Poliziotte Libano Brummana Sessismo

Il sindaco Pierre Achkar della città di Brammana, in Libano, ha assunto delle nuove poliziotte locali per dirigere il traffico, tutte studentesse. E, fin qui, è tutto regolare. Peccato che abbia anche deciso che l'uniforme ufficiale preveda short neri attillati, maglietta e berretto rosso. Una divisa molto particolare e creata ad hoc, visto che l'obbligo non vale per i colleghi maschi. Proprio per questo motivo è scoppiata una polemica sessista sull'abbigliamento e, più in generale, sulla scelta non proprio azzeccatissima del primo cittadino. Per essere precisi, sui social network, si sono create due fazioni: una sull'onda della questione di genere, l'altra sulla 'modernità' della decisione del sindaco di includere anche le donne tra i vigili urbani.

«Gli short sono un problema ora?», ha commentato Pierre Achkar sul quotidiano Annahar. E ha proseguito: «Ci hanno detto che il Libano ha un'immagine negativa in Occidente, che scoraggia il turismo nella nostra terra. Così, ho deciso questa cosa, per dimostrare che questa immagine è sbagliata. Vogliamo attrarre più turisti occidentali». Quindi più che una scelta 'moderna', sembra più una specie di campagna di marketing. Dal punto di vista giuridico, però, il primo cittadino non ha violato alcuna norma. Secondo l'ex ministro degli Interni Ziad Baroud, intervistato da Al Jadeed, la legge libanese non fa menzione di nessun codice di abbigliamento specifico per il personale di polizia municipale: «Una volta avevamo una commissione che avrebbe dovuto occuparsidi uniformare l'abbigliamento degli agenti di polizia ma poi non se ne è fatto nulla, anche per via di alcune complicazioni legate all'assenza di un governo». In pratica ogni municipalità può scegliere liberamente la propria uniforme, a seconda dell'area.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso