28 Febbraio Feb 2018 1434 28 febbraio 2018

L'identikit delle startupper italiane

Il 27 febbraio 2018, l'Istat ha pubblicato la prima indagine sulle nuove imprese innovative in Italia, registrate fino al 2015.

  • ...
Startup Donne Italia

Il mondo delle startup, in Italia, è quasi totalmente maschile. O almeno è quello che dice la prima indagine italiana sulle imprese innovative del nostro Paese, fatta dall'Istat in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo economico. Si chiama Sturtup Survey 2016 e riguarda tutte le startup registrate fino al 31 dicembre 2015 e che hanno beneficiato del pacchetto di agevolazioni introdotto dal decreto legge 179/2012. La mole dei dati del documento è piuttosto 'importante' ma siamo comunque riusciti a trovare abbastanza informazioni per fare uno pseudo identikit delle startupper italiane.

INFERIORITÀ NUMERICA

Partiamo con il campione di riferimento dell'indagine: sono state contattate 2250 imprese e solo il 43,7% hanno risposto. In totale, si parla di 4363 soci operativi, di cui l'82% sono uomini. Questo significa che il 18% è costituito da donne. Ma questa non è l'unica differenza che c'è con i colleghi dell'altro sesso.

LE STARTUPPER SONO PIÙ GIOVANI

Secondo la ricerca dell'Istat, in media, le startupper sono più giovani: il 29% di loro ha meno di 34 anni contro il 25,9%degli uomini. Un discorso simile vale per la fascia di età che va dai 35 ai 44 anni, solo con percentuali diverse: il 38,2% contro il 35%.

LE DONNE HANNO IL TITOLO DI STUDIO PIÙ ELEVATO

L'indagine spiega anche che le sturtupper hanno il titolo di studio più elevato rispetto ai colleghi uomini. Parlando di cifre, siamo 78,9% contro il 72,8% per quanto riguarda la laurea, 21% contro 16% se consideriamo il dottorato di ricerca e 8% contro 5% nel caso di un master di I o II livello.

L'ITALIA SPACCATA

Per quanto riguarda la geografia, invece, la maggiore concentrazione di donne la troviamo in imprese attive nel Centro e nel Mezzogiorno (51,1% contro il 42% degli uomini), mentre i colleghi maschi sono più presenti nelle startup del Nord (58% contro il 48,9%).

LE DONNE CHE CE L'HANNO FATTA

Al di là delle statistiche, c'è un elemento comune a tutti gli sturtupper: la difficoltà iniziale di trovare capitali e creare una società stabile che possa ottenere ricavi e possa creare posti di lavoro. Nonostante i vari Stati e l'Unione europea abbiano avviato programmi di incentivi e sgravi fiscali, fare impresa è sempre più difficile. Gli ostacoli sono tanti ma, alla fine, qualcuno riesce a farcela. Ecco le donne che non solo sono riuscite a creare la loro azienda ma hanno avuto anche successo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso