20 Febbraio Feb 2018 1830 20 febbraio 2018

Il post di Diego Fusaro su femministe, migranti e fascisti

Il filosofo ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un pensiero su una foto che ha pubblicato sul suo blog. E i commenti sono stati piuttosto velenosi.

  • ...
Diego Fusaro Femministe Migranti Fascisti

Cosa ci fanno insieme un gruppo di femministe, i migranti e i fascisti? Potrebbe sembrare una barzelletta, detta così, invece è solo il contenuto del post Femministe che chiedono ai migranti di non essere lasciate coi fascisti…, pubblicato sul sito di Diego Fusaro, filosofo e scrittore. Il testo è molto breve ma fa capire senza mezze misure come la pensa l'autore: «Costoro danno per scontato che i migranti, tra loro e i presunti 'fascisti', non preferiscano stare con i secondi». Un punto di vista personale, su un blog personale, condiviso sulla sua pagina pubblica di Facebook per ben cinque volte, a cui sono seguiti commenti piuttosto aggressivi e velenosi, principalmente rivolti alle femministe della foto: un gruppo di donne che esibiva la scritta «Migranti non lasciateci sol* con i fascisti».

GLI INSULTI GRATUITI

Leggere tutti i commenti è una missione impossibile. Abbiamo qundi deciso di selezionare quelli della sezione 'più rilevanti', messi a disposizione del social network. La risposta che balza subito all'occhio è la foto con un gruppo di afroamericani con la scritta «Fascisti x favore non lasciateci soli con le femministe». Partiamo subito con un po' di ironia, che però non riesce a trovare seguito. Subito sotto leggiamo: «Povere imbecilli piene di rabbia...fasciste!», un altro utente scrive: «Speditele in Africa insieme ai clandestini». E ce ne sono tanti altri: tutti riconducibili alla categoria 'insulti gratuiti'. C'è anche chi si esprime nel proprio dialetto regionale: «Ma i compagni (in tutti i sensi della parola!) le hanno lasciate 'sole' (anche in romanesco rsrsr) se vede che le conoscono bbbene !!! ie tocca de accompagnasse coi neri (la boldrina dovrebbe proibirlo perchè il nero è colore simbolo der fascismo)». Scorrendo ancora, possiamo vedere un altro riferimento a Laura Boldrini: un fotomontaggio di Matteo Salvini con la scritta: «Immigrati non lasciateci soli con la Boldrini». A testimonianza del fatto che, anche se non c'entra niente, la Presidente della Camera è spesso tirata in ballo nei commenti al veleno.

LA RISPOSTA DELLE ALTRE FEMMINISTE

Finora abbiamo considerato solo gli utenti uomini. Ma anche le donne hanno avuto qualcosa da dire. «Proprio in questo momento (17 febbraio 2018) ha luogo a Berlino una manifestazione femminile che chiede l'esatto opposto: 'non lasciateci sole con i migranti'. Frauenmarsch, la marcia delle donne e, poiché criticano l'immigrazione clandestina (non si sentono più sicure come una volta quando escono) sono già intervenute le forze speciali della Merkel, ovvero gli antifa, a disturbare la manifestazione. Sono loro, in Germania, a decidere cosa possa essere detto per strada e cosa no». Ci sono anche femministe che negli Anni '70 hanno lottato per l'emancipazione della donna, come Orietta, che scrive: «Sono esterrefatta e senza parole: è dagli Anni '70 che conduco le mie battaglie femministe , ma ora davanti a codesto cartello e codeste donne ammutolisco: tutto da rifare». Ma non è finita qua. Francesca scrive: «Povere menteccate che hanno sporcato il mome delle vere femministe soprattutto quelle che in passato hanno lottato per una vita migliore! Queste pensano ai 'mandinghi' !vergognatevi!».

BOCCIATE DAI FAN DI FUSARO

Insomma, l'iniziativa delle femministe della foto pubblicata da Fusaro non è piaciuta né dagli utenti un po' xenofobi (per non dire razzisti) e, in parte, riconducibili alla destra, né alle femministe della prima ora, quelle che hanno lottato negli Anni '70 (o almeno così scrivono). C'è da dire anche che chi ha commentato è uno dei fan di Diego Fusaro (o comunque lo seguono su Facebook) e che, quindi, non stupisce il fatto che la pensino come il filosofo. Anzi, sarebbe strano il contrario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso