25 Luglio Lug 2019 1405 25 luglio 2019

Come godersi i flirt estivi senza rischi

Il caldo e la spiaggia ci predispongo ad avventure che aumentano la nostra autostima, però bisogna affrontarle nel modo giusto. I consigli dell'esperto. 

  • ...
Flirt Amorosi Sicuri Estate

Complici il clima, la voglia di uscire e le occasioni di divertirsi, in estate è più facile stringere nuove relazioni, essere sentimentalmente intraprendenti, e abbandonarsi a qualche trasgressione più o meno innocente. Ma il cosiddetto flirt da spiaggia è davvero per tutti? Lo spirito d’avventura non basta e per evitarne gli effetti collaterali ci vogliono equilibrio, prudenza e consapevolezza… L’idea che nella bella stagione sia più facile innamorarsi non è solo un cliché: le giornate si allungano, gli abiti si accorciano, la pelle si libera del grigiore invernale e qualche ormone rimasto inutilizzato in primavera risponde al richiamo di Eros. Il dottor Giorgio Quaranta, psicologo e sessuolo a Milano, spiega che «le dinamiche che si instaurano in vacanza, soprattutto se ci si trova lontano da casa, in un luogo dove nessuno ci conosce o ci giudica, costituiscono lo scenario ideale per evadere dalla routine, ripensare se stessi in un contesto diverso e sperimentare nuove modalità di relazione». Insomma flirtare è la naturale conseguenza di questo atteggiamento: «Consente di scoprire nuovi approcci all’altro sesso, senza l’ansia generata dalla prospettiva di una relazione a lungo termine».

UNA FIABA CON DATA DI SCADENZA

Secondo l’esperto l’avventura estiva rappresenta la situazione sentimentale teoricamente perfetta: «È un gioco di ruoli basato sull’idillio, sul corteggiamento fine a se stesso e sull’esibizione della parte migliore di sé». Il trucco perché funzioni è godere il “qui e ora”, senza le asie tipiche di una relazione a lungo termine, riuscire a mettersi in gioco quel tanto che basta per provare un brivido di emozione, mantenendo però il “margine di sicurezza” rappresentato dal ritorno (senza strascichi) alla propria vita quotidiana dopo la fine della vacanza.

PUÒ ESSERE UN'ESPERIENZA TERAPEUTICA

Se vissuta con consapevolezza e responsabilità, il flirt da spiaggia può avere un effetto terapeutico: «Non solo la possibilità di comportarci per un po’ come se fossimo qualcun altro, con spontaneità e leggerezza, aiuta ad allontanare stress e depressione, ma l’esperienza della conquista ha un effetto benefico soprattutto sull’autostima e sulla migliore comprensione delle proprie capacità di relazione». Una innamoramento estemporaneo può rappresentare la situazione più favorevole per soddisfare curiosità (anche sessuali), realizzare fantasie inconfessabili in un contesto 'normale'. «Può essere anche un rimedio per superare una delusione sentimentale, ritrovare fiducia nell’altro sesso e magari riscoprire il desiderio di una nuova relazione anche per chi ha già alle spalle storie importanti».

NON È PER TUTTI

Secondo Quaranta «non c’è una vera e propria categoria di persone predisposte all’avventura estiva: chiunque -uomo o donna, giovani e meno giovani- può sperimentarla e viverla in modo diverso a seconda delle esigenze e degli obiettivi del momento». Tuttavia, prosegue l’esperto, alcuni individui sono maggiormente a rischio di subire gli effetti collaterali di questo tipo di relazione: «È il caso per esempio dei soggetti particolarmente insicuri, che hanno difficoltà a stringere relazioni nella normalità quotidiana e che sono portati a cercare conferme negli incontri occasionali e a investire eccessivamente in relazioni destinate a deludere le loro aspettative». Nelle personalità più fragili «il desiderio non corrisposto di portare avanti il rapporto può scatenare un senso di frustrazione, depressione, insicurezza ma anche rabbia e insistenza nei confronti del partner, che nei casi più gravi può degenerare fino allo stalking».

COSA FARE PER EVITARE LE 'SCOTTATURE' EMOTIVE

L’esperto spiega che il primo passo per vivere al meglio la propria favola romantica è quello di non pretendere di trasformarla in una relazione duratura e non fantasticare che possa durare per sempre. «I veri “benefici” del flirt estivo risiedono nel suo carattere eccezionale, inaspettato e trasgressivo». Il rischio più frequente connesso a questo tipo di relazioni è, infatti, quello di illudersi di aver trovato il proprio partner perfetto: quell’ideale di compagno di vita irripetibile che non ci sarebbe mai capitato di incrociare ne tran tran della frenesia quotidiana. Come spiega l’esperto «questo capita perché il corteggiamento è di per sé un gioco di inganni e le vacanze ne amplificano l’effetto idealizzante. Anche le persone più ponderate, con i piedi per terra e meno inclini a lasciarsi andare, finiscono col farsi coinvolgere da una situazione fiabesca, perchè inconsciamente tutti cercano la stabilità». Certo nulla vieta che semplici flirt si trasformino in relazioni stabili e durature, ma perchè accada bisogna che la coppia sia disposta ad impegnarsi (ad esempio per superare l’ostacolo della distanza) e ad accettare che, rivisto attraverso la lente della normalità, non tutto sia oro quello che luccica come era sembrato durante la vacanza. Infine chiudere la valigia con il proposito di 'andare a caccia di conquiste', espone al rischio di rimanere delusi o, viceversa, di lasciarsi troppo andare pur di soddisfare l’aspettativa. Meglio godersi la vacanza e affidare il resto al caso.

NON SIATE INCOSCIENTI

L'ultimo consiglio va da sé: «Non bisogna dimenticare che ogni azione ha delle conseguenze reali e dei potenziali 'effetti collaterali'». Attenzione dunque a tutti gli aspetti della sicurezza: non esporsi a situazioni potenzialmente pericolose, dare confidenza poco alla volta e senza mai rinunciare alla privacy, non trascurare il sesso protetto e non esagerare con le “condivisioni” sui social… Come la cronaca recente insegna il rischio di revenge porn, oggi come oggi, non è qualcosa di surreale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso