5 Settembre Set 2018 1625 05 settembre 2018

Gli errori al primo appuntamento (secondo i baristi)

Prima di Tinder, ci conoscevamo nei locali sotto l'occhio vigile di coloro che il mojito lo preparano. I loro consigli per avere successo se lui ti piace.

  • ...
Errori Appuntamento Barista Consigli

C'era una volta un mondo senza Tinder, un mondo nel quale il 'sito d'incontri' più famoso era il bar e il suo silenzioso giudice il barista, che forse non sapeva matchare le persone ma di sicuro la sapeva lunga. Non era un terreno facile - questo è certo - ma se qualcuno ancora avesse voglia di fare le cose in vecchio stile o si sia dato (magari tramite un'app di incontri) appuntamento al locale dietro casa, questi sono gli otto consigli di chi vi osserva da dietro il bancone, raccolti dalla testata americana Bustle.

CONTROLLATE IL SUPER-IO

Freud lo sapeva, il Super-io non è facile da contenere e a un primo appuntamento non è certo un buon compagno. «Restate calmi e gioviali», consiglia Chris Resnick del Minnow Bar di Miami Beach. L'errore più grande è parlare troppo, magari accompagnando le parole a una vanteria incondizionata. Sopratutto perchè, dice Resnick, «la gente, dopo qualche bicchierino, finisce sempre a parlare dei propri ex».

TENETE BASSO IL GOMITO

«Sorseggiate con calma e assicuratevi di ordinare qualcosa da mangiare, così non berrete a stomaco vuoto», spiega Giorgio Casalinuovo del bar La Moderna di Miami. Ordinare un drink di troppo è il secondo errore da non commettere mai. L'alcool può aiutarcui a scioglierci, ma mantenere la lucidità è meglio. Una buona idea potrebbe essere quella di andare in un locale dove vi conoscono, «teniamo sempre d'occhio i nostri clienti abituali».

CHIEDERE NON COSTA NULLA

Terzo errore: non supponete di conoscere i gusti altrui. Nel vostro bar preferito conoscete di sicuro i cocktail migliori e fareste di certo bella figura ordinando per entrambi, ma con il rischio di costringere l'altro a bere qualcosa che odia. «La cosa migliore è chiedere di cosa ha voglia così l'altra persona saprà che siete interessati. Riuscirete a fare la giusta ordinazione e forse a intavolare una conversazione piacevole», dice Adam R. Seger di The Tuck Room.

RISPETTATE ANCHE I VOSTRI GUSTI

Ordinare un «Martini shackerato, non mescolato» è senza dubbio scenografico, l'importante però è essere sicuri che vi piaccia. Per fare bella figura la scelta migliore è «restare fedeli a ciò che vi piace e conoscete già. Potrete ordinare con sicurezza e dimostrare che avete una vera consapevolezza di cosa bevete», assicura Jason di Taylor Made Bartender.

SEDETEVI FACCIA A FACCIA

«Vedo tantissima gente seduta al bancone rivolta verso di me, o peggio alla tivù, senza neanche guardarsi in faccia», questo gesto crea una forte distanza, niente di peggio per fare conoscenza. Il consiglio è scegliere un locale senza televisione, soprattutto quando c'è la partita, per evitare di cedere alla tentazione.

MOSTRATEVI DISPONIBILI

Il linguaggio del corpo è fondamentale, specie se non avete un appuntamento e siete al bar per fare conoscenza. Un sorriso è sempre il primo passo. Se siete con un amico non sedete troppo vicini: dimostrereste infatti di essere troppo coinvolti nella conversazione e quindi inaccessibili. Con un po' di coraggio potreste anche fare voi la prima mossa e avvicinare una persona che vi sembra interessante.

NON TRASCINATE LE CONVERSAZIONI

Potreste essere riusciti a conoscere qualcuno, ma se dopo dieci minuti la conversazione ristagna, forse è meglio concluderla. «Non preoccupatevi, troveranno qualcun'altro con cui parlare, ma se non vi lasciano in pace, chiamate i rinforzi. Adoriamo dire ai viscidoni di sloggiare», è il consiglio di Christina Owsald al Mark Ridley's Comedy Castle di Royal Oak.

ATTENTI SE LA SITUAZIONE SI FA PICCANTE

Parliamo in senso letterale. «Tutti fanno degli errori al primo appuntamento, ma ne ho visti di davvero speciali», racconta Gregory Westcott del Bar manager di Los Angeles. Potreste ordinare del cibo piccante, o trovare dei peperoncini a guarnire il vostro bicchiere. Ricordatevi però che gli oli contenuti in questi alimenti possono restare sulle mani, fate attenzione a non toccarli. Se la serata dovesse 'finire bene' a bruciare potrebbe non essere solo la passione, ma qualcosa di molto più intimo. Come baristi ne hanno viste di tutti i colori (o dolori).

Un ultimo consiglio (bonus) di Amy DeLee del Jalisco Cantina: siate gentili con il barista, alla fine della serata potreste scoprire che era il più interessante del locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso