18 Febbraio Feb 2019 0800 18 febbraio 2019

Il rapporto tra antidepressivi e sessualità

Alcuni farmaci prescritti per combattere ansia o depressione possono portare a calo del desiderio e difficoltà nel raggiungere l’orgasmo. Sia per gli uomini che per le donne. Come risolvere il problema?

  • ...
Antidepressivi Sessualità

L’ansia è un disturbo sempre più diffuso che non sempre si riesce a gestire soltanto con l'aiuto dei rimedi naturali. L’uso degli antidepressivi è infatti in aumento, ma forse non tutti sanno che la loro assunzione può influenzare negativamente la vita sessuale. Negli Stati Uniti circa un adulto su cinque soffre di depressione e circa il 13% della popolazione assume farmaci per combatterla. La blogger Sara Kloepfer, sulla testata Collective, ha spiegato quali sono gli effetti collaterali relativi al sesso, con qualche consiglio per diminuirli.

QUALI SONO I FRAMACI PIÙ CONTROINDICATI?

Non c’è una stima esatta che dimostri il numero delle persone soggette agli effetti nocivi degli antidepressivi sulla vita sessuale: i dati oscillano tra il 25 e il 73%. Ma è indubbio che ci siano alcuni farmaci che causano più problemi rispetto ad altri. Alcuni di questi sono citalopram, duloxetina, paroxetina e fluoxetina. Ognuno di noi metabolizza l’assunzione dei medicinali in modo diverso, per questo la ricezione è fondamentalmente soggettiva e la prova andrebbe fatta su se stessi. Ciò che è dannoso per qualcuno, per altri potrebbe essere tollerabile.

IN CHE MODO GLI ANTIDEPRESSIVI INFLUENZANO IL SESSO

Quando si parla di «disfunzione sessuale» si fa riferimento a due diverse complicazioni: la riduzione del desiderio e la difficoltà nel raggiungere l’orgasmo. Gli antidepressivi soggetti a prescrizione, SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) generalmente agiscono sulla prima. In sostanza è la libido che viene a mancare e non la capacità fisica di avere rapporti. I farmaci che manipolano la serotonina aumentano la ricezione di quest’ultima da parte del cervello generando una sensazione di calma e tranquillità. Sensazione che può alterare l'eros, rallentando la comunicazione tra il cervello e gli impulsi sessuali.

UN PROBLEMA CHE RIGUARDA SIA DONNE CHE UOMINI

La disfunzione può riguardare sia le donne che gli uomini, con una leggere differenza relativa agli effetti che si verificano: se le prime riscontrano maggiormente l’assenza dell’eccitazione, che può comportare una lubrificazione e un orgasmo ritardati, le complicazioni maschili riguardano un difficile raggiungimento del piacere totale, ovvero la mancata eiaculazione.

COME ACCORGERSI SE LA DISFUNZIONE SESSUALE DERIVA DAGLI ANTIDEPRESSIVI

Determinare se i sintomi derivano dall’assunzione dei farmaci o da disturbi di salute mentale può non essere così semplice. Il primo passo è capire come gli stimoli e quindi il desiderio sessuale siano cambiati da prima a dopo la terapia medica. Ma non solo: fattori aggiuntivi da prendere in considerazione potrebbero essere lo stress, uno stile di vita poco salutare e l’uso abituale di contraccettivi ormonali.

COME SI PUÒ RISOLVERE IL CALO DEL DESIDERIO

Prima di tutto la soluzione più semplice è aspettare un eventuale miglioramento. Sì, perché potrebbero volerci anche settimane o mesi prima che il corpo si abitui agli antidepressivi. L’importante è non interromperne l’assunzione senza consultare un medico che possa consigliare il giusto processo di abbandono. E un consulto professionale è necessario anche per abbassare la dose dei medicinali, passo da compiere solo se l’ansia e la depressione hanno dimostrato cambiamenti positivi. In caso contrario si possono provare altre marche meno soggette agli effetti collaterali. In ogni caso, anche con un diverso tipo di cura, bisognerà attendere per vedere i primi risultati. Nel frattempo si può lavorare sulla libido aiutandosi con movimenti o pratiche che di solito scatenano l’eccitazione (usare un vibratore o guardare un film porno, per esempio) e stimolano il corpo nonostante la mente sia ancora inibita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso