23 Ottobre Ott 2018 1916 23 ottobre 2018

Jasmine Ladurner: «Siamo europeisti, ma forse andremo con Salvini»

È la più giovane eletta al consiglio provinciale di Bolzano. Ha imparato la politica in Germania e a Bruxelles e ora il suo partito valuta l'alleanza con la Lega euroscettica. L'intervista.

  • ...
Jasmine Ladurner Salvini Elezioni Trentino Alto Adige

Accento tedesco, esperienza politica nei palazzi europei e in quella Baviera dove si decidono le sorti del partito più potente d'Europa, il centrodestra della cancelliera Angela Merkel. Jasmine Ladurner, una delle nove donne elette nel nuovo consiglio provinciale dell'Alto Adige, ha un curriculum da politica ambiziosa e appena 25 anni. Venticinque anni fa era stata anche l'ultima volta che un membro delle giovanili del Svp (Sudtiroler volkspartei) era approdato al consiglio provinciale. La sua impresa è in qualche modo già storica, dunque, ma in pi arriva in un momento di svolta per il partito alto altoatesino. Pur facendo parte del Partito popolare europeo (Ppe), infatti, il Svp a Roma negli ultimi anni è sempre stato alleato del centrosinistra e ora invece potrebbe governare con la Lega sovranista ed euroscettica. Ladurner ha un curriculum che va nella direzione opposta. «Ho studiato economia e scienze politiche a Innsbruck, in Israele e a Berlino. Ho lavorato a Bruxelles un anno per il partito popolare europeo e poi per un ministro della Csu a Monaco di Baviera dove ho seguito anche la campagna per il Bundestag (il parlamento tedesco, ndr). A dicembre il partito mi ha chiesto di candidarmi. Non era la mia prima scelta, all'inizio ho rifiutato ma poi ho pensato che la cosa più importante è il bene della gente dell'Alto Adige», spiega con il suo delicato accento tedesco a LetteraDonna. «Devo rivedere il mio italiano perché da sei anni ho parlato solo tedesco e inglese», si scusa. Rivendica, quindi, già esperienza politica di un certo livello. Ma soprattutto, lei che non vuole giudicare Maria Elena Boschi e che apprezza la cancelliera Merkel, della politica ha già imparato il lessico e la capacità di non rispondere alle domande più difficili.

DOMANDA: Ha lavorato direttamente per la Csu a Monaco e ora è stata eletta al consiglio pronviciale di Bolzano: qual è la differenza tra la politica tedesca e quella italiana?
Risposta:
Sia la Baviera che l'alto Adige hanno un sistema speciale a livello amministrativo, ma la politica è sicuramente diversa.

E in cosa?
È diversa.

In Alto Adige si discute da cinque anni delle quote rosa, ma non siete ancora riusciti ad arrivare alla doppia preferenza di genere, la legge prevede ancora solo un tetto di massimo due terzi dei candidati maschi: il risultato è che sono state elette solo nove donne. Cosa ne pensa?
Le donne sono soltanto nove. E quelle della Svp sono quattro quando erano cinque nell'ultimo consiglio. E questo mi dispiace. Però io credo che la priorità sia comunque la competenza.

I suoi colleghi maschi hanno fatto resistenza per impedire il cambiamento della legge?
esto non lo so, non ci ho parlato ma potrei farlo, ribadisco in ogni caso che la competenza deve essere al primo posto.

Voi negli ultimi anni siete sempre stati alleati a livello nazionale con il centrosinistra, ora dopo il voto sembra profilarsi la possibilità di un'alleanza con Salvini, cosa ne pensa?
Risposta: Sì, noi dobbiamo rispettare la volontà degli elettori, il partito sta facendo delle riunioni, gli euroscettici sono cresciuti e dobbiamo valutare. Sì, lei ha ragione: c'è la possibilità di un'alleanza con la Lega.

Sì, ma lei cosa ne pensa? Lei è europeista?
Sì, assolutamente sì, come del resto lo è la Svp membro del partito popolare europeo. Abbiamo anche Herbert Doffman in Europa (parlamentare europeo, ndr) che sta facendo molto bene.

E quindi come valuta l'alleanza con la Lega totalmente euroscettica?
Noi dobbiamo creare una coalizione e la legge ci dice che deve includere almeno due partiti italiani. Valutiamo la possibilità.

Voi avete aiutato Maria Elena Boschi, le piace?
Non lo ho mai incontrata di persona. E quindi non posso giudicare.

E Merkel le piace?
Quella di Angela Merkel è stata un'era speciale in Germania. Mi dispiace che nell'ultimo periodo i risultati elettorali siano stati più negativi.

Lei condivide le critiche della Csu alla cancelliera?

C'è un tema cruciale per gli italiani: come giudica la proposta del cancelliere austriaco Sebastian Kurz che offre la doppia cittadinanza?
Questa è una domanda molto sensibile. Ma mi mancano le parole in italiano ma aspetti, ecco secondo me sarebbe meglio avere la cittadinanza europea che quella di un altro Paese dell'Ue.

Tra dieci anni?
Per ora sono qui e mi vedo qui a Bolzano. Mio sogno è lavorare per dare all'Alto adige un futuro europeo e non vedo l'ora di iniziare al consiglio provinciale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso