16 Luglio Lug 2018 2211 16 luglio 2018

«Basta con gli attacchi classisti a Meghan Markle»

Il Daily Beast bacchetta la stampa britannica. Che si è accanita contro la duchessa del Sussex. Ma incapace di «criticarla sullo stile» ha deciso di farla bersaglio di commenti «classisti e sessisti».

  • ...
Meghan Markle

«È ora di farla finita con gli attacchi sessisti e classisti a Meghan Markle». Così il Daily Beast in un editoriale a firma Tom Skyes che si oppone alla narrativa con cui i media britannici raccontano la duchessa del Sussex. Prima l'hanno descritta come una donna forte e indipendente che ha accettato «il potenziale calice avvelenato» del matrimonio con un membro della famiglia reale. E che comunque fin'ora è stata impeccabile. Ma lo storytelling della sposa «meticcia, divorziata, americana e chiacchierata», a due mesi dal royal wedding, presenta l'altra faccia della medaglia. Meghan viene oggi presentata come «un'ambiziosa impostora, un'usurpatrice della working class che non sa stare al suo posto». Proprio come se, si legge sempre sul tabloid, «la pretesa di sovvertire il sacro sistema di classi britannico fosse un'impertinenza da punire».

I CANONI DATATI DELL'ELEGANZA BRITISH

Il Daily Mail, ad esempio, sarebbe persino stato forzato a citare un esperto di etichetta reale per affermare che non c'era nulla di sbagliato nel modo con cui la Markle incrocia le gambe. Anzi, ha poi sviluppato l'esperto, «anche la regina, occasionalmente l'ha fatto». Eppure su Facebook è tutto un fiorire di gente qualunque che si permette di dire cosa la duchessa avrebbe sbagliato a fare o a dire. Dopo una lunga e forbita disamina dei classici che hanno imposto i canoni dell'eleganza reale britannica così come la conosciamo, il quotidiano conclude amareggiato e sarcastico: «I britannici erano completamente ossessionati dalle classi nel 1956 e, nonostante stiamo in un'altra epoca, la vergogna di classe che provano per Meghan dimostra che non sono cambiati come si potrebbe sperare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso