Sessismo

Sessismo

23 Gennaio Gen 2019 1424 23 gennaio 2019

Oracle discrimina le donne, la denuncia del governo Usa

Il colosso della Silicon Valley nel mirino del dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti: le dipendenti sono pagate il 20% in meno rispetto ai colleghi uomini e bianchi. 

  • ...
Oracle Discrimina Le Donne

Leggere notizie riguardo il divario salariale tra uomini e donne è ormai all'ordine del giorno. Situazioni figle di una cultura patriarcale del mondo del lavoro che tante aziende stanno provando a combattere con progetti ed assunzioni ad hoc. Alcune, appunto. Perché molte rimangono sulle loro posizioni finché non sono obbligate ad agire. Come potrebbe succedere alla multinazionale del settore informatico Oracle. Il colosso della Silicon Valley è stato infatti denunciato dal dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti per una diffusa discriminazione verso le donne e le minoranze etniche, con una crescente esclusione di neri e ispanici e una perdita di 400 milioni di dollari legata a differenze di stipendio. Peccato che l'azienda abbia vari contratti, per oltre 100 milioni di dollari l'anno, con il governo federale: questo significa che, come Google, à soggetta alla legge anti discriminazione e, appunto, ai controllo del dicastero che si occupa delle politiche del lavoro.

LA CLASS ACTION DELLE LAVORATRICI

Un gender pay gap pari addirittura al 20% quello delle 5 mila dipendenti della società. La quasi totalità delle quali si era unita in una class action che già aveva evidenziato i numeri poi portati alla luce dall'indagine del dipartimento del Lavoro americano. «Le loro scoperte sono coerenti con le nostre. Oracle paga le donne meno degli uomini, anche a parità di ruolo ed esperienza», ha spiegato alla stampa Jim Finberg, l'avvocato che rappresenta le dipendenti. «Le mie assistite hanno guadagnato in media 13 mila dollari in meno all'anno rispetto ai colleghi uomini e bianchi. È ora che Oracle faccia la cosa giusta e smetta di trattarle come cittadini di serie B».

IL GENDER PAY GAP PEGGIORA CON GLI ANNI DI CARRIERA

Senza contare che, come riporta il dipartimento del Lavoro, la discriminazione «persiste e peggiora per le lunghe carriere». Ciò significa «un crescente divario retributivo per tutte quelle donne che dedicano la loro vita a Oracle», si legge nella denuncia che sottolinea come il solo gender pay gap registrato tra il 2013 e il 2016 corrisponda a perdite di almeno 165 milioni di dollari di risarcimento totale.

LA PRIMA DENUNCIA NEL 2017

Come racconta l'inglese The Guardian non è la prima volta che il colosso informatico finisce nel mirino del dicastero per questioni di divario salariale. Era già successo nel 2017 quando la società aveva negato le accuse e non aveva adottato alcun tipo di riforma sul tema. Per questo nella nuova denuncia il dipartimento per il Lavoro chiede ai tribunali che Oracle paghi gli stipendi persi e corregga le pratiche di compensazione e assunzione discriminatorie. Un caso, questo, che si aggiunge alla lunga lista di denunce per molestie sessuali, razzismo e diseguaglianze varie, cui le aziende della Silicon Valley hanno dovuto far fronte a partire dal 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso