7 Agosto Ago 2019 1844 07 agosto 2019

Attività fisica d'estate, istruzioni per l'uso

È la stagione ideale sia per sperimentare nuovi sport outdoor durante le vacanze sia per trasformare i parchi cittadini in palestre a cielo aperto. I nostri consigli per allenarvi. E curare il corpo con i prodotti giusti.

  • ...
Attivita Fisica In Estate

Al mare, in montagna o nei parchi cittadini: dovunque voi siate, d’estate l’attività fisica conviene farla all’aria aperta. E i vantaggi dell’allenamento open air non sono affatto pochi: favorisce l’assorbimento della vitamina D che, oltre a ‘fissare’ il calcio nelle ossa, contribuisce ad accelerare il metabolismo; migliora il funzionamento dell’apparato respiratorio e aumenta l’apporto di ossigeno. In più, è scientificamente provato che lo stretto contatto con la natura riduce lo stress. L’estate è anche la stagione ideale sia per sperimentare nuovi sport outdoor durante le vacanze sia per trasformare i parchi cittadini in palestre a cielo aperto. LetteraDonna vi suggerisce qualche idea per allenarvi divertendovi, mentre nella gallery, trovate una selezione di prodotti che assicurano il massimo comfort durante e dopo l’attività fisica.

PARCHI AVVENTURA IN MONTAGNA

In qualsiasi posto abbiate programmato la vostra vacanza ad alta quota, in meno di un’ora di macchina o pullman potrete raggiungere un parco avventura (in Italia ne esistono più di 200), dove da soli o con famiglia al seguito, trascorrerete una giornata nei boschi, all’insegna del divertimento più o meno adrenalinico, a seconda del percorso scelto. Controllati da istruttori esperti e forniti in loco di un’attrezzatura adeguata, infatti, attraverserete ponti tibetani, scivolerete lungo teleferiche, raggiungerete le cime di piante secolari attraverso speciali piattaforme, vi arrampicherete su apposite reti, userete corde robuste come liane Queste sono solo alcune delle attività di tarzaning previste nei parchi avventura, tutte praticate in totale sicurezza (per info: parchionline.it).

NORDIC WALKING ANCHE AL MARE

Fino a qualche anno fa riservato a escursioni montane e campestri, adesso il nordic walking si può praticare anche in riva al mare e con effetti potenziati. Anziché nei boschi o lungo i sentieri si cammina sulla sabbia asciutta o poco oltre la battigia, dove l’acqua arriva a metà polpaccio, sempre appoggiandosi agli appositi bastoncini. La cedevolezza del terreno rende ogni passo più faticoso, impegnando al massimo i muscoli di cosce e glutei, che così acquistano rapidamente tono ed elasticità. Naturalmente, il beach nordic walking comporta anche un maggior dispendio energetico. In più migliora l’equilibrio e permette all’organismo, pelle compresa, di fare buona scorta di ossigeno grazie all’aria marina satura di questo elemento indispensabile alla vita.

GYM IN THE CITY NEL VERDE

Persino in città è possibile allenarsi open air. A questo scopo, ideali parchi e giardini pubblici. I prati, per esempio, hanno la consistenza giusta per eseguire i classici esercizi addominali. La spalliera e, per le più allenate, la seduta delle panchine, invece, offrono efficienti punti d’appoggio per le flessioni delle braccia, che tonificano i tricipiti; mentre per rinforzare la parte superiore del corpo, funziona bene l’altalena: puntate i piedi, mettete le mani sul sedile, poi, facendo forza con le braccia ben tese, portatelo il più possibile in alto. Anche la scaletta dello scivolo si rivela un attrezzo eccellente: appoggiate un piede sopra un piolo, in modo che il ginocchio formi un angolo retto, quindi flettete la gamba portandola fino al petto, poi tornate nella posizione di partenza e ripetete con l’altra gamba. Gli esercizi vanno replicati per almeno 10-15 volte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso