5 Giugno Giu 2019 1014 05 giugno 2019

I cosmetici green ed ecofriendly

Principi attivi di origine vegetale provenienti da piante coltivate in modo biologico e nessuna sperimentazione animale. Nella Giornata Mondiale dell'Ambiente, come scegliere i prodotti beauty ad hoc.

  • ...
Giornata Mondiale Dellambiente 2019 Cosmetica

Celebrata per la prima volta il 5 giugno 1974 con lo slogan Only One Eart (una sola terra), la Giornata mondiale dell’Ambiente ci ricorda quanto sia importante adottare stili di vita e scelte di consumo ecologicamente corretti, ovvero nel pieno rispetto della natura che ci circonda. E il settore cosmetico ha dimostrato particolare attenzione a questo tema. A partire dalle formulazioni, sempre più green.

OCCHIO ALL’ETICHETTA

Principi attivi di origine vegetale provenienti da piante coltivate in modo biologico (non intensivo e senza l’uso di pesticidi o fertilizzanti chimici), eccipienti in quantità non superiore al 20%, nessuna sperimentazione su animali. Solo se la formula ha queste caratteristiche può definirsi organica. Per avere la certezza di acquistare un cosmetico di questo tipo, quindi, dovete controllare attentamente sia l’inci, ovvero la lista degli ingredienti, per legge elencati in ordine decrescente sull’etichetta, sia che la confezione riporti la dicitura cruelty free o similari. Una sicurezza in più è data dai marchi di certificazione rilasciati da organismi privati, ma riconosciuti a livello nazionale, in grado di effettuare scrupolosi controlli qualitativi che garantiscono l’organicità del prodotto.

PACKAGING A BASSO IMPATTO

Le confezioni che racchiudono i cosmetici con formule green non possono che essere ecosostenibili. Per ridurre al minimo l’impatto ambientale, la plastica tradizionale spesso è sostituita dal vetro (privilegiato per contenere i liquidi) o da materiali vegetali biodegradabili oppure ottenuti dal riciclaggio delle bottiglie di acqua minerale. Il cartone delle scatole, invece, può provenire da foreste gestite secondo criteri di sostenibilità o dalla raccolta differenziata. A volte, persino gli inchiostri per le scritte sulle confezioni sono di origine vegetale, come quelli utilizzati per la nuova Sephora Collection.

LA MODA SI ADEGUA

Anche il mondo del fashion si mostra sensibile ai problemi ambientali. È il caso della Concious collection di H&M realizzata con stoffe usate o derivate da plastiche di riciclo. Adidas, invece, ha creato una linea di calzature in materiale plastico recuperato dagli oceani, mentre Nike produce scarpe in cuoio riconvertito. Mango segue il trend green prediligendo il cotone organico, il poliestere riciclato e il lyocel (cellulosa estratta dall’eucalipto). Non mancano all’appello le grandi maison del lusso. Prime tra tutte Stella Mc Cartney e Vivienne Westwood, paladine dell’ecosostenibilità, da sempre impegnate nella ricerca di materiali compatibili con l’ambiente. Sul loro esempio, Salvatore Ferragamo ha presentato di recente una collezione di capi in orange fibre, tessuto ottenuto dalle scorie della lavorazione degli agrumi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso