19 Novembre Nov 2018 0800 19 novembre 2018

Come prendersi cura del contorno occhi

Dalle creme a base di peliptidi e vitamina C fino alla chirurgia: la guida con tutti i rimedi per mantenere la zona più delicata del viso sempre giovane e senza rughe.

 

  • ...
Contorno Occhi Rimedi

Zampe di gallina, rughette e occhiaie che fanno da cornice al contorno occhi sono spesso lo specchio della stanchezza, dello stress, oltre ad essere la cartina tornasole del lento ma inesorabile scorrere del tempo. Che poi, lento si fa per dire. Basti solo pensare a quanto l'inquinamento cittadino abbia spinto l'acceleratore sul precoce invecchiamento della pelle senza più sconto di età alcuno.

PERCHÉ IL CONTORNO OCCHI È DELICATO

Come se non bastasse, la zona perioculare è una delle più delicate e sottili, quattro volte di più rispetto al resto del volto, oltre ad avere una minore quantità di tessuto adiposo sottocutaneo. Bersaglio principale degli agenti atmosferici come pioggia, vento, sbalzi di caldo/freddo, il contorno occhi deve inoltre sopportare gli oltre diecimila battiti di ciglia quotidiani, oltre ad essere continuamente sottoposto ai naturali movimenti della mimica facciale che di certo non giovano a un mantenimento disteso ed elastico della zona. Dunque è bene correre ai ripari (finché siamo in tempo) con trattamenti ad hoc da compiere fin da giovanissime.

I PRODOTTI SU CUI PUNTARE

È un sogno vano però poter credere che qualsiasi prodotto si utilizzi per la cura del contorno occhi possa apportare benefici in automatico. Il classico errore è infatti quello di usare una qualsiasi crema idratante nella convinzione che possa fare da scudo contro i segni del tempo. Mentre il diktat è scegliere prodotti specificamente formulati per la zona perioculare con un pH delicato. Largo spazio allora ad ingredienti quali peptidi e Vitamina C. Ancor meglio se combinati a retinolo - per levigare la superficie della pelle e ridurre al minimo le discromie - e acido ialuronico, da sempre considerato il miglior alleato nel processo di ringiovanimento cellulare.

COME APPLICARLI

Investire nei giusti ingredienti però non basta: per poter sfruttare al massimo l'efficacia dei prodotti presenti in commercio è fondamentale accompagnarne l'utilizzo con i giusti movimenti. Le beauty guru del web da sempre consigliano il picchettamento dei prodotti attorno all'area del contorno occhi. Questo specifico movimento infatti non solo favorirà il drenaggio dei liquidi ma faciliterà anche un rapido assorbimento del prodotto.

I TRATTAMENTI DELLA CHIRURGIA

E dove non riescono ad arrivare i prodotti ad uso domestico ci pensano i trattamenti professionali: basti pensare alla fortuna dei laser (l'alternativa al lifting più sicura ed efficace) ormai largamente usati - se non abusati nella peggiore delle ipotesi - da celebrities e non, specificamente progettati per stimolare la produzione di collagene. Qualcuno parla addirittura di veri e propri miracoli estetici su rughe, tono e lassità cutanea in grado di far apparire il viso da subito più giovane per un effetto Photoshop assicurato. Una nuova frontiera è inoltre quella dei trattamenti LED che sfruttano il principio delle luci intense per stimolare la pelle alla produzione di collagene.

I MITI SUL COLLAGENE DA SFATARE

E visto che la parola collagene è tra le più inflazionate del mondo beauty forse bisogna fare qualche piccola precisazione. Intanto non tutti sanno che si tratta della proteina più abbondante presente nel corpo umano con un ruolo strutturale di sostegno. È proprio il collagene infatti a mantenere la pelle compatta. Ma, come ci siamo accorte tutte, non può farlo per sempre. Per questo a volte provano a venderci creme a base di questa proteina raccontandoci che «sono ottime per il rassodamenento della pelle». Niente di più sbagliato. Lo stesso vale per il collagene da bere, assai in voga negli ultimi tempi, che viene fatto passare come un vero e proprio miracolo in boccetta. L'unico modo per stimolare la produzione di collagene rimane quello di scegliere gli alimenti giusti a tavola. Largo spazio allora a verdure a foglia verde come spinaci, bietole e cavoli, e frutta come gli agrumi, i kiwi, l’ananas e il melone, ricchi di vitamina C e luteina. Anche gli acidi grassi insaturi che si trovano nel pesce azzurro e nella frutta a guscio sono un toccasana per la pelle, che di certo ne trarrà benefici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso