Specchio, specchio

18 Agosto Ago 2018 1000 18 agosto 2018

Come dissetare la pelle dopo molto sole

Dai cetrioli all'anguria, è fondamentale mangiare molta frutta e verdura e bere due litri d'acqua al giorno. Non solo: bisogna scegliere cosmetici e detergenti ad hoc.

  • ...
Pelle Prodotti Dopo Sole Dissetanti

Dopo le inevitabili overdose di sole delle ultime settimane, sicuramente la nostra pelle è dorata a puntino, ma è anche molto assetata. I raggi UV, infatti, hanno prosciugato le sue riserve idriche, che vanno reintegrate al più presto, altrimenti tende a raggrinzirsi. Esattamente come succede alle foglie che, quando perdono il loro contenuto d’acqua, appassiscono. Per evitare questo rischio, è utile seguire i consigli del professor Antonino di Pietro, direttore dell’Istituto dermatologico Vita cutis di Milano e presidente fondatore dell’Isplad (associazione di dermatologi plastici).

SCEGLIETE DETERGENTI EXTRA DOLCI

La pulizia della pelle, soprattutto del viso, deve essere scrupolosa ma delicata. No ai prodotti schiumogeni, che insieme alle impurità asportano anche il film idrolipidico cutaneo, la protezione naturale di cui dispone la pelle. L’ideale è il classico latte detergente, sempre arricchito con oli e sostanze emollienti, da massaggiare sul viso, poi sciacquare con acqua tiepida, proprio come fosse un sapone.

USATE COSMETICI DISSETANTI

Il principio attivo chiave di emulsioni e maschere idratanti è l’acido ialuronico, il cui compito è immagazzinare acqua nei tessuti cutanei (fino a 70 volte il suo peso), rendendoli più turgidi. In alcune formule, questa sostanza è sostituita dai suoi precursori. Per esempio la glucosamina, meglio se associata ai fosfolipidi, acidi grassi in grado di mantenere integro il film idrolipidico cutaneo (nella gallery trovate un’attenta selezione di cosmetici idratanti, dalla texture fresca e ad assorbimento rapido, molto adatti alla stagione).

SEGUITE UNA DIETA…QUASI IDRICA

La ‘dose’ d’acqua necessaria per il benessere dell’organismo e la freschezza dell’epidermide è di circa due litri al giorno (otto bicchieri). La quantità può diminuire se si fa un largo consumo di frutta e verdura composte da un’elevata percentuale di acqua, come anguria, cetrioli e ravanelli (95%), insalata, pomodori, peperoni pesche e susine (90%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso