Sessismo

Sessismo

25 Febbraio Feb 2019 1716 25 febbraio 2019

Il consigliere sessista rilancia: «Non chiedo scusa a Emma Marrone»

La Lega lo ha espulso in via definitiva dal partito. L'ex consigliere comunale di Amelia, Massimiliamo Galli, raggiunto dalle Iene non si pente per gli insulti rivolti alla cantante. 

  • ...
Emma Marrone Insulti Iene

La Lega lo ha espulso, con decisione irrevocabile, perché ha trasmesso un’immagine sbagliata e non in linea con il partito, decisamente lesiva. Colpa della tristissima e ultrasessista battuta rivolta a Emma Marrone sui social: «Aprire i porti? Apri le gambe e fatti pagare», le aveva scritto. Così, in punta di fioretto. Ne ha pagato le conseguenze, certo, ma proprio non ha capito la lezione e, ostinatamente, si rifiuta di chiedere scusa. Eh sì, perché Massimiliano Galli, ex consigliere comunale di Amelia, non lascia ma addirittura raddoppia. Nel senso che non si è accontentato di una figuraccia, ma ha scelto di diventare protagonista di una seconda, questa volta in tv.

Dopo l'insulto a Emma Marrone: "Aprire i porti? Apri le cosce e fatti pagare", secondo voi il politico della Lega, incontrato da Alice Martinelli, si è scusato? 👇

Geplaatst door Le Iene op Maandag 25 februari 2019

Raggiunto dalla iena Alice Martinelli, ha avuto infatti la possibilità di fare ammenda, ma non è andata benissimo: «Non ho bisogno di notorietà. Io non voglio chiedere scusa perché la mia intenzione non era quella di offendere», ha detto stizzito all’inviata del programma di ItaliaUno, prima di andaresene sbattendo la porta: «Voi interpretate come cazzo vi pare, quello che ho scritto non è quello che voi pensate», ha chiosato. Con buona pace di Emma Marrone, che dal palco aveva già avuto modo di rispondergli, da signora: «Non fa niente perché io non diventerò mai come loro. Restate umani». Ecco, se errare è umano e perseverare è diabolico, la sensazione è che l’ex (sottolineiamo ex) consigliere leghista Massimiliano Galli di strada per diventare (tornare?) umano ne debba fare ancora un bel po’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso