LIBRI 30 Aprile Apr 2013 1152 30 aprile 2013

Il genio delle donne, dal fumetto creativo al successo sul web

  • ...
Casati_Cover1-759x1024

UN FUMETTO PER LA MUSA DI D'ANNUNZIO
Era la musa di Gabriele D'Annunzio, s'incollava velluto nero alle palpebre per renderle più bistrate, girava con un ghepardo al guinzaglio. La marchesa Luisa Casati Amman è riuscita a passare alla storia come uno dei personaggi più misteriosi e affascinanti della Belle Époque. Adesso torna a vivere di nuovo negli acquerelli di Vanna Vinci, una dei più affermati fumettisti italiani, “mamma” della Bambina filosofica. Scene di vita quotidiana, che l'autrice immagina in una concatenazione perfetta, ricostruendo la parabola di una donna che è passata dall'essere una celebrità conturbante a finire i propri giorni nella solitudine più cupa. Eppure, nonostante tutto, come è scritto sulla sua tomba, «l’età non può appassirla, né l’abitudine rendere insipida la sua infinita varietà».
Vanna Vinci, La Casati. La musa egoista, Rizzoli Lizard, 17 euro.

TRA PAURA, ESORDI E MIRACOLI
Chi è la reclusa di Mill River? Nessuno la vede mai, a parte padre Michael O'Brian, l'unico che conosca la sua storia. La vicenda, carica di segreti, di una ragazza giovane e ingenua che ha sposato un uomo ricco e affascinante che si è rivelato diverso da come se l'era immaginato. E che l'ha tenuta prigioniera in una splendida casa sulla collina e, anche a 60 anni dalla sua morte, riesce ancora a farle paura. Darcie Chan è un avvocato, e anche il suo romanzo d'esordio è un «piccolo miracolo» editoriale. Perché Darcie aveva ricevuto centinaia di rifiuti da agenti letterari, ma poi ha deciso di autopubblicare il suo libro su Amazon a 99 centesimi. E il successo è stato immediato, tanto che oggi il romanzo ha già venduto 700 mila copie. A riprova che il lettore ha sempre ragione.
Darcie Chan, Cronache di piccoli miracoli, Editrice Nord, 14,90 euro.


DUE DONNE IN FUGA, ALLA RICERCA DELLA LIBERTÀ
Sono come Thelma e Louise: due donne in fuga. Solo che loro si chiamano Selma e Louise, e dalle due casalinghe del film non potrebbero essere più distanti. Selma è una giovane dissidente tunisina,  vuole lasciarsi alle spalle un periodo passato in carcere e uno sciopero della fame che l’ha quasi uccisa. Louise è francese, è una fotografa di successo, ma non ne può più della propria vita, della gabbia dorata nella quale l'hanno rinchiusa; figlia della buona società parigina, si sente intrappolata in un ruolo che non ha scelto. I destini delle due donne si incontrano in un alberghetto alla periferia di Parigi, l’Hotel Miranda. Qui, tra un'umanità disparata ed eccentrica, scopriranno che cos'è davvero la libertà.
Iman Bassalah, Hotel Miranda, Newton Compton, 9,90 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso