19 Febbraio Feb 2017 1000 19 febbraio 2017

Giro del mondo in dieci (lounge) bar

Non c'è niente di meglio di un buon drink in un locale curato per rilassarsi al termine di un lungo viaggio.

  • ...
Center Bar - Aeroporto di Zurigo 2

Dimenticate bicchieri di plastica, lattine e birra dozzinale. Per prendere un drink prima del decollo, o ingannare l’attesa durante uno scalo, molti aeroporti internazionali offrono locali che coccolano i passeggeri, con una vasta scelta di etichette, cocktail, tapas, assaggi. Ma anche con servizi personalizzati e ambienti curati nei minimi dettagli, per diventare oasi di relax. I migliori bar del mondo, secondo i frequent flyer, sono stati selezionati da Jetcost, motore di ricerca di voli e hotel, che ha stilato una classifica con piazzamenti in grado di riservare chicche e sorprese.

ATALANTA
In vetta alla top ten c’è un locale dal nome italiano, che aspetta i viaggiatori all’aeroporto di Atalanta (Usa), con una struttura minimal, luci soffuse, grandi vetrate. Ecco propone un menù di drink da lasciare a bocca aperta, che accanto alle oltre 25 etichette di whisky e bourbon conta cocktail come Living is easy, con vodka californiana Hangar One Straight, sciroppo di fragole e un’aggiunta di liquore alle erbe Gran Classico. Fra le proposte più gettonate anche il Perkins Park, che alla base di whisky unisce liquore di mele Berentzen. Ma Ecco, che propone sapori italiani e mediterranei, è anche il posto giusto per i patiti del gin tonic.

DENVER
I più esigenti in fatto di vino, al Crù food and wine bar di Denver (Usa), con un secondo piazzamento nella classifica di Jetcost, trovano oltre 30 etichette al bicchiere e oltre 300 bottiglie. In un’atmosfera da enoteca, fra pezzi d’arredo come botti, per una pausa dai ritmi allentati al 'nettare degli dei' si possono abbinare appetizer, pizza, assaggi di formaggi, panini, dessert. O specialità come Steak Tartar, fichi allo spiedo, gorgonzola e riduzione di aceto balsamico. Nello stesso scalo, alla settima posizione nell’elenco del motore di ricerca, il Lounge 5280 vanta la più ampia selezione di alcolici a tutte le ore. A cominciare dalla prima colazione, con sei tipi di Bloody Mary, ideali per ovviare ai fastidi del jet-lag o ai postumi di una sbornia. Ma in questo posto luminoso, con sedie rosse, ci sono anche birre locali, bourbon, whisky e cocktail ispirati al Colorado.

MONACO DI BAVIERA
Se trovate accattivante l’idea di un birrificio all’interno di un terminal, l’indirizzo giusto è Airbrau Brewery, al gradino più basso del podio, che a Monaco di Baviera, in Germania, propone solo la sua birra, fatta secondo i crismi della legge del 1513, che prevede l’uso del luppolo locale. In una cornice che richiama la classica taverna bavarese, dove tutto rispetta la tradizione, dai boccali ai costumi delle cameriere, Bretzel o salsicce grigliate si accompagnano alle semi dry, alle scure, alle rosse doppio malto. E sulla terrazza coperta da 600 posti, ci sono anche spettacoli live.

ZURIGO
Nella classifica di Jetcost c’è un altro aeroporto che copre due posizioni, la quarta e la sesta. Zurigo, in Svizzera, è presente con il Runway 34, all’interno di un vecchio hangar ristrutturato con pavimento in legno. La chicca? Il ristorante, collocato sotto un aereo sovietico del ’57, regala l’emozione di mangiare fra i motori e le eliche, mentre il bar è nella cabina del velivolo, che conta anche uno spazio fumatori per gli amanti del sigaro. www.runway34.ch Il Center bar è invece un ambiente minimalista e glam, dove assaggiare tartine fatte con il miglior caviale e il miglior salmone, con un sottofondo di musica live.

BRUXELLES
Punta invece tutto sul bello, e sul relax, il Beaudevin di Bruxelles, al quinto posto, che già dall’insegna verde, un richiamo ai colori delle bottiglie di vino, sembra un inno all’universo del grappolo. Tapas gourmet e un’ampia selezione di formaggi si abbinano alle tante etichette, in un’enoteca dalle linee pulite ed essenziali.

STOCCOLMA
Per una ventata di calore, profumi, colori, ritmi roventi che rimandano a Cuba, nello scalo di Stoccolma, al numero otto nel gradimento registrato da Jetcost, c’è Casa Bacardi, che celebra i classici a base di rum come il Mojito, il Daiquiri o il Cuba Libre. E fra divani trapuntati su pavimento a scacchi, pareti accese letteralmente foderate di foto e opere d’arte, sembra di tornare agli Anni '50. Un altro tocco esotico nel Nord Europa? La freschezza della menta che porta dritto ai Caraibi.

IBIZA
A Ibiza è un must F***k me, I’m famous, discoteca cool specializzata in cocktail. Tutto nei toni dell’azzurro, il Lounge club conta un’area ristorante, dove assaggiare piatti locali, una zona con pista da ballo sotto la console del dj, un angolo bar e uno spazio dedicato al merchandising. E dopo la ristrutturazione di Cathy e Guetta, cannoni di luce e soffitto pieno di led fanno da cornice ai video delle migliori feste, proiettati in un locale ultramoderno.

ROMA
Chiude la classifica un trionfo del Made in Italy, tratto distintivo di Ferrari Spazio Bollicine, che a Roma, nell’aeroporto di Fiumicino, accoglie con una vasta gamma di vini trentini. Un arredo lineare in bianco e nero esalta mosaici e specchi, che lasciano intravvedere la cucina dello chef, impegnato nel declinare in chiave internazionale le tipicità della montagna. Alle etichette legate al mondo del Trento doc vengono quindi abbinati prodotti rigorosamente stagionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso