11 Settembre Set 2016 1000 11 settembre 2016

Il museo d'autunno è donna

Settembre dà il via a una stagione espositiva dove i volti dell’universo femminile sono protagonisti.

  • ...
newton

Qualche dritta sulle mostre che promettono un incontro ravvicinato con il mondo delle donne? Il primo autunno segna l’apertura di una splendida stagione espositiva, nella quale i mille volti dell’universo femminile giocano un ruolo di primo piano. Nei musei di casa nostra vanno in scena la passione di Coco Chanel per i libri, le donne ritratte da Gauguin, le mogli del sovrano Carlo IV di Boemia, e ancora le icone contemporanee fotografate da Helmut Newton e i reperti legati alle nobili vissute nell’Antico Egitto. LetteraDonna ha scelto i dieci appuntamenti in rosa da non perdere.

VENEZIA
È una rassegna affascinante, La donna che legge, perché fa luce sulla creatività di Chanel, in rapporto al suo amore per la lettura. Allestita a Ca’ Pesaro di Venezia, dal 17 settembre, l’esposizione offre una carrellata sugli interessi di Mademoiselle, che vanno dai classici greci ai poeti contemporanei: la biblioteca dell’appartamento parigino, al 31 di rue Cambon, viene riproposta nella Serenissima, assieme a foto, disegni, dipinti, documenti. Fino all’8 gennaio 2017.

BOLOGNA
Sono colori inconfondibili, quelli che hanno consegnato alla storia la pittrice Frida Kahlo, alla quale Bologna dedica una mostra in programma a Palazzo Albergati dal 15 novembre. Attraverso i ritratti e i celebri autoritratti di lei, la rassegna rivela una vita di passioni, anche ideologiche, che Frida condivise con Diego Rivera, autore di murales: i due si sono amati, sposati, traditi, risposati. Fino al 15 marzo 2017.

ROVIGO
Si intrecciano leggende, paradisi lontani, colori evocativi ne I Nabis, Gauguin e la pittura italiana d’avanguardia, a Rovigo, Palazzo Roverella, dal 17 settembre, con opere che ruotano attorno alla carica sensuale della donna, ritratta all’infinito. Si va dalle sagome femminili di Maurice Denis e Félix Vallotton, ai nudi di Felice Casorati e Cagnaccio di San Pietro, passando per le figure da sogno di Gauguin. Fino al 14 gennaio 2017.

ROMA
È sempre ghiotta l’occasione per riscoprire la prima grande artista italiana, Artemisia Gentileschi, a Palazzo Braschi di Roma dal 30 novembre. La mostra ripercorre le vicende della pittrice di scuola caravaggesca, una personalità forte, capace di esprimere una carica sensuale altrettanto intensa. L’esistenza di Artemisia sembra uscita dalle pagine di un romanzo, perché costellata di ombre e tragedie, dal rapporto morboso con il padre pittore, che le trasmette l’amore per Caravaggio, allo stupro subito da Agostino Tassi, anche lui artista. Fino all’8 maggio 2017.

MILANO
Oggi il voto femminile sembra scontato. Ma nel nostro Paese ha 'solo' 70 anni. E ce lo ricorda il MuFoCo di Cinisello Balsamo, che propone dal 17 settembre La guerra è finita. Nasce la Repubblica. Con 70 scatti di Federico Patellani sfilano, in immagini simbolo, la rinascita di Milano dopo il conflitto mondiale e l’accesso al suffragio delle donne. Fino al 15 gennaio 2017.

DI NUOVO ROMA
La Gam di Roma, dal 22 settembre al 27 novembre, punta i riflettori su Mimì Quilici Buzzacchi, pittrice che ha esordito negli Ann'20 lavorando prima a Ferrara e poi nella Capitale, dove frequentava l’ambiente di Virgilio Guidi e Filippo De Pisis. Tra segno e colore ripercorre tutta la carriera dell’artista, mamma di Folco Quilici.

MONZA
Per i 700 anni dalla nascita dell’imperatore, la mostra Carlo IV e l’Italia, dal 14 settembre al 2 ottobre al Museo del Duomo di Monza, racconta i quattro matrimoni del sovrano, stretti con altrettante donne di potere, nell’ottica di rafforzare la rete di alleanze politiche a livello europeo. Con Bianca di Valois Carlo si sposò giovanissimo, dopo la morte di lei si unì ad Anna di Baviera, scomparsa per una caduta da cavallo. L’imperatore convolò quindi a nozze prima con la bella Anna von Schweidnitz, poi con Elisabetta di Pomerania che gli diede sei figli.

NAPOLI
Chi è sensibile al fascino di Cleopatra e delle donne che vivevano nell’antico Egitto, non può perdere Il ritorno dei Faraoni, in programma al Man di Napoli dall’8 ottobre. Con un nuovo allestimento, dopo sei anni di chiusura, riapre la sezione egizia, seconda per qualità solo a quella del museo di Torino, con 1200 reperti che contano anche monili, gioielli e corredi funebri femminili.

MODENA
Nel distretto del tessile, a Carpi (Modena), dal 10 settembre all’11 dicembre con A gun for hire sono esposti ai Musei di Palazzo dei Pio gli scatti, inediti per l’Italia, firmati da Helmut Newton, fra il ’93 e il ’99, per le campagne di Blumarine, marchio della zona. Fra le modelle figurano icone della femminilità come Monica Bellucci, Carla Bruni, Carré Otis, Eva Herzigova.

CATANIA
Ha lavorato sul movimento, 'anticipando' il futurismo, con scatti che sono entrati nella storia dell’arte. Parliamo del fotografo inglese Eadweard Muybridge, al quale le Gallerie del Credito Valtellinese di Acireale (Catania) dedicano da novembre una mostra, in cui rivestono un ruolo centrale gli studi dedicati alle movenze del corpo femminile, immortalato sia nudo che vestito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso