6 Dicembre Dic 2015 1000 06 dicembre 2015

Mercatini sulla neve

A spasso tra le bancarelle di Natale dell'alta Italia e dell'Austria. Ecco le cinque mete imperdibili.

  • ...
mercatini

Chi non si è mai lasciato tentare dall’idea di passare una giornata fra le bancarelle di Natale? Magari per prendersi una pausa, cogliendo l’occasione, fra un acquisto e l’altro, di assaggiare piatti tipici e dolci appena sfornati, con i tradizionali canti in sottofondo. I mercatini più suggestivi sono allestiti fra rovine archeologiche, accanto alla casa di Babbo Natale, all’ombra di un castello medievale o lungo la costa di un laghetto fatato. E non mancano quelli dei piccoli borghi alpini, con palazzi sui quali viene proiettato il calendario dell’Avvento. LetteraDonna ha selezionato cinque mete invernali davvero incantevoli.

ATMOSFERE MONTANE AD AOSTA
Il fascino del Marché Vert Noël, nel cuore di Aosta, è legato al mix singolare fra il carattere maestoso del teatro romano e l’atmosfera da villaggio di montagna, che si respira fra le bancarelle. I resti archeologici fanno da cornice alle casette in legno che espongono prodotti come vini d’alta quota, formaggi, dolci, pezzi vintage, articoli di ispirazione nordica, per tutti i gusti e tutte le tasche. Ma il piatto forte sono gli oggetti d’artigianato artistico, che vanno dalle candele agli accessori in lana cotta, dalla ceramica alla canapa, passando per pizzi, saponi e manufatti in legno. Fino al 6 gennaio 2016.

IL VILLAGGIO DELLE NEVI
Per chi vuole trovare in un solo indirizzo il meglio della produzione italiana, il posto giusto è il Villaggio di Natale Flover, a Bussolengo (Vr), a pochi minuti di macchina dal lago di Garda. L’impatto è spettacolare, grazie a un allestimento che si ispira di anno in anno a un tema particolare: in questa edizione tocca a Una fiaba tra i ghiacci, con il Pupazzo Brrr nelle vesti di mascotte. Entrando nel Villaggio, ci si imbatte in una grotta di neve con orsetti e altri personaggi in movimento. Poi ci sono sale allestite nei toni classici del rosso e dell’oro, stanze con le mille sfumature dell’argento, un salone con camino e finestra affacciata su un paesaggio invernale, nel quale sta nevicando. E all’esterno, un container aspetta i visitatori con un presepio scolpito nel ghiaccio, a due passi dalla casa in legno di Babbo Natale, completamente arredata. Fino al 10 gennaio.

Val D'Ega

Suedtirolfoto/Lafogler - Suedtirolfoto GmbH, Italy

LEGGENDE DI VAL D'EGA
All’apparenza è il tipico mercatino di montagna, circondato dalle vette più belle del mondo, le Dolomiti. Ma questo ha qualcosa in più, perché vanta l’affaccio su uno splendido lago come quello di Carezza, in Val d’Ega, dove la leggenda vuole vivesse una ninfa di bellezza straordinaria, per la quale uno stregone avrebbe fatto a pezzi l’arcobaleno, gettandolo nello specchio d’acqua, che da allora riflette mille e mille sfumature di colore. Lungo le sponde del laghetto fino al 20 dicembre i visitatori trovano casette in legno illuminate come lanterne, specialità altoatesine, sculture di ghiaccio, un presepe a grandezza naturale e stufe a legna, per riscaldarsi, magari assaggiando qualcosa di bollente.

Merano

Florian Peer - Tourismusverein Dorf Tirol

LA TRADIZIONE A MERANO
È invece un classico il mercatino di Merano, progettato e realizzato nel pieno rispetto dell’ambiente, a cominciare dagli stand in legno, moderni ma con un occhio di riguardo per la tradizione. Dopo un giro fra le bancarelle, alla ricerca di ninnoli e regali, per una sosta culinaria l’ideale è piazza delle terme, dove sei palle di Natale, di tre metri di diametro, accolgono un ristorante, con una vista strepitosa, nel quale provare i piatti invernali. Di segno diverso gli eventi in calendario nei dintorni, fra castelli, masi, stalle. Un paio di esempi? Il birrificio Forst di Lagundo ospita la Foresta natalizia, mentre altri banchi si trovano a Castel Rametz, Castel Kallmuenz e Castel Tirolo. Fino al 6 gennaio.

IL BORGO MEDIEVALE NEL TIROLO
Sembra uscito da una cartolina, il mercatino di Hall in Tirol, borgo medievale nel versante austriaco del Tirolo, a pochi minuti dai Mondi di Cristallo Swarovski. Nella parte alta del centro abitato, in piazza Oberen, all’ombra della chiesa con il campanile a cipolla, gli chalet espongono oggetti in legno traforato, feltro, lana, ma anche vetro, terracotta, candele, accessori moderni, piatti della tradizione come gli gnocchi dolci e i krapfen. Sui palazzi attorno viene proiettato il calendario dell’Avvento, con un effetto suggestivo amplificato dalle musiche e dai canti. Il mercatino è il punto di ritrovo delle signore del posto, che mangiano una frittella di pasta, un po’ come lo gnocco fritto emiliano, accompagnata da crauti con dadini di speck e vin brulè. Fino al 24 dicembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso