13 Novembre Nov 2015 1923 13 novembre 2015

«Il tuo corpo ti parla»

A tu per tu con Barbara Pozzo, terapista specializzata in medicina manuale. La compagna di Ligabue spiega cinque pratiche per vivere in armonia il rapporto con se stessi.

  • ...
PozzoCASA_72dpi

«Nel corpo risiede una saggezza istintiva e profonda, che ha una peculiarità meravigliosa e indiscutibile: non mente mai. Se sapremo ascoltarlo avremo la possibilità costante di accedere alle risorse che ci servono, trovare le risposte che cerchiamo e saper aspettare quelle che non arrivano, comprendendo perché». A dirlo è Barbara Pozzo, terapista corporea specializzata in medicina manuale e da 13 anni compagna del cantautore Luciano Ligabue e mamma di Linda (11 anni).

IL NUOVO LIBRO
Dopo il grande successo di pubblico e di critica ottenuto con il suo libro d’esordio, La vita che sei. 24 meditazioni sulla gioia, un best seller con il quale ha aiutato uomini e donne a superare il male di vivere, Barbara si è ripetuta. Con il suo nuovo libro, SEI A CASA. 24 meditazioni sul corpo (BUR Rizzoli, 12 euro), la terapista vuole invitare a una riflessione introspettiva dove massa e anima si fondono. Non solo, ha anche fondato il sito www.somebliss.com, «uno spazio libero dove condividere riflessioni e riattivare il benessere di chi l’ha smarrito o non ne ha mai capito l’esistenza». Nel suo blog ogni giorno ascolta e intrattiene con le persone un dialogo quotidiano sui temi del benessere fisico e mentale e del raggiungimento dell’armonia interiore.

UN CORPO CHE PARLA
«Il corpo ci parla costantemente, ma a differenza della mente, non ci confonde. La sua verità è chiara e ci fornisce indicazioni, ci avverte se qualcosa non va, ci fa da guida nel nostro Universo interiore e col suo essere ci fa luce nel rapportarci col mondo. Il corpo è la nostra vera casa», ha aggiunto Barbara Pozzo. Nei 24 capitoli del suo nuovo libro, la donna non offre un elenco di esercizi da seguire meccanicamente o una lista di buoni consigli da mettere in pratica. Piuttosto una serie di preziosi spunti che aiuteranno i lettori a sentirsi a proprio agio con sé stessi. Soprattutto quando ci si sente persi di fronte ad un imprevisto o una scelta importante della propria vita. Il corpo è uno strumento fondamentale per conoscere sé stessi, per ritrovare il proprio equilibrio quando ci si sente smarriti e impauriti. Di fronte all’incertezza ci sentiamo vulnerabili e insicuri ed è proprio quello il momento in cui la mente ci allontana dal nostro centro. Al contrario, quando siamo in contatto con noi stessi, proviamo un senso di pace e abbiamo accesso a un immenso bacino di risorse. Questo permette di affrontare anche i momenti più difficili. Solo imparando ad ascoltarci possiamo ritrovare il nostro centro. Ecco le cinque pratiche per vivere in armonia il rapporto tra mente e corpo consigliati da Barbara Pozzo:

ASCOLTARE L'ANIMA: Prendersi cura di sé, rispettare e ricordare la saggezza del nostro corpo significa ricordare e rispettare la voce della nostra anima e la legge che sta alla base di tutto questo: l'Amore.

ASCOLTARE IL CORPO: Ascoltare il proprio corpo ci offre una possibilità diretta di accesso alla comprensione delle nostre condizioni sia fisiche che emotive. Del resto il nostro corpo è una fonte preziosa di saggezza e di risorse che permette di ricordarci quanto sia importante ascoltarlo. Il corpo non mente mai ed è una cartina di tornasole che ci indica come stiamo e dove possiamo recuperare il nostro equilibrio mente-corpo. Il movimento, insieme all'ascolto del proprio corpo, è una delle cure migliori.

RESPIRARE: Il respiro è uno dei mezzi più efficaci per ritrovare il proprio centro e raggiungere un equilibrio mentale.

GUARIRE: Guarire significa ritornare interi. Ovvero recuperare le parti di noi disperse e ritrovare integrità interiore.

RALLENTARE: Trovare il tempo di rallentare e soprattutto ricordarsi di ritagliare momenti personali, è il primo passo per recuperare una condizione di interezza e dunque di profondo benessere psicofisico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso