26 Agosto Ago 2015 1244 26 agosto 2015

Una Regina in streaming

Gli oltre 60 anni di regno di Sua maestà Elisabetta II saranno al centro di The Crown, la serie targata Netflix in arrivo nel 2016. Ma c'è anche chi pubblica un libro di aneddoti poco noti sulla bisnonna di George e Charlotte.

  • ...
41ef0Jc2IoL._SX299_BO1,204,203,200_

Personaggio, icona. Sua maestà Elisabetta II, regina del Regno Unito, è questo e molto di più. E ora si appresta anche a diventare il sovrano che più a lungo di tutti ha retto lo scettro britannico, superando il record detenuto dalla regina Vittoria. Se è ancora presto per capire quale importanza le attribuiranno gli storici negli anni a venire, una cosa è certa: per i media è già giunto il momento di celebrarla. O, quantomeno, raccontarla.

SUA MAESTÀ IN 60 EPISODI
Sono infatti appena cominciate a Londra le riprese di The Crown, una serie prodotta da Netflix, il colosso dello streaming. L'investimento è da capogiro: si parla di ben 140 milioni di dollari di budget. Se la serie riscuoterà il successo sperato, proseguirà per sei stagioni e un totale di 60 episodi. La serie è basata su The Audience, la produzione teatrale che ha messo in scena le conversazioni della regina con i premier inglesi che si sono succeduti durante il suo regno. Se a teatro era Helen Mirren a dare corpo, volto e voce a Elisabetta (come già fece nel 2006 con il film The Queen), di Netflix ha ingaggiato Claire Foy per il ruolo.

CATTIVERIE SULLA REGINA
Ma per una produzione che quasi sicuramente racconterà con toni avvincenti la vita della regina, c'è anche chi, invece, preferisce rivelare una serie di aneddoti a volte simpatici, a volte un po' cattivelli. È il caso di Thomas Blaikie, autore del libro What a Thing to Say to the Queen, traducibile con 'Cattiverie sulla regina'. 192 pagine ricche di gustose curiosità finora ignote al mondo intero, ma che dal 3 settembre, data di pubblicazione del volume, sono destinate a divenire di dominio pubblico. Come, ad esempio, il continuo ricorrere a un apposito domestico per cambiare canale in tv, o sputare in un cestino cioccolatini già masticati ma dal sapore poco gradito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso