SAPER VIVERE 8 Maggio Mag 2013 1052 08 maggio 2013

Un'azalea per combattere il cancro

Domenica 12 maggio, festa della mamma, torna il tradizionale appuntamento con il fiore simbolo della ricerca. Per rendere sempre più curabili i tumori che colpiscono le donne.

  • ...
L'Airc si dedica da 29 anni alla vendita delle azalee per finanziare la ricerca.

L'Airc si dedica da 29 anni alla vendita delle azalee per finanziare la ricerca.

I fiori sono simbolo di delicatezza e fragilità. Così esili, con i pistilli e il fusto che si flettono a ogni soffio d'aria. Ma anche di forza.
AZALEA, UN FIORE SIMBOLO
Resistenza. Come l'azalea, che domenica 12 maggio, festa della mamma, si trasforma in simbolo della ricerca, dell’impegno per rendere sempre più curabili i tumori che colpiscono le donne. Per il 29esimo anno consecutivo, in 2.935 località sparse in tutta Italia e in oltre 3.500 punti di distribuzione, 25 mila volontari AIRC scenderanno in piazza per distribuire 600 mila azalee, affiancati da numerosi ricercatori che, per un giorno, lasceranno i laboratori per contribuire alla ricerca in veste di protagonisti.
L'IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE
Secondo i dati svelati da Airc, siamo consapevoli che il tumore al seno, se diagnosticato per tempo, è curabile in oltre l’80% dei casi. In Italia,  il tumore alla cervice uterina viene diagnosticato, in forma avanzata, a una donna ogni 10 mila; mentre circa una su 100 si ammala di cancro all’ovaio. Esistono anche tumori che non colpiscono direttamente gli organi femminili, ma che, purtroppo, riguardano sempre più la popolazione rosa.
UNA DONNA SU 36 SVILUPPA IL CANCRO AL POLMONE
Il tumore del colon-retto è il secondo più diffuso, mentre quello al polmone è in forte crescita: si calcola che attualmente una donna su 36 possa svilupparlo nel corso della vita. Sebbene non sia un quadro confortante, è bene sottolineare che quasi il 70% dei tumori potrebbe essere prevenuto, o almeno diagnosticato in tempo, adottando stili di vita corretti e partecipando ai protocolli di screening e diagnosi precoce. Nella guida 'I colpi vincenti della prevenzione - Nuovi e vecchi esami che battono il cancro', che accompagna ogni azalea, sono disponibili schede riassuntive dei più comuni test usati come screening o come strumenti di diagnosi precoce, delle ragioni per cui sono consigliati e dell’efficacia dimostrata. Si tratta di esami che ormai molti conoscono, ma che negli ultimi 10 anni sono diventati più accurati grazie a innovazioni tecnologiche. Un motivo in più per scendere in piazza il 12 maggio e comprare un azalea (con un contributo di 15 euro).
«GARANTIRE CONTINUITÀ AI PROGETTI»
«Ci auguriamo», hanno fatto sapere dall’Airc, «che le azalee si possano trasformare in un contributo di circa 10 milioni di euro, indispensabile per garantire continuità a quei progetti di ricerca sui tumori femminili che promettono risultati concreti nella clinica. In soli 30 anni, la guaribilità media dei tumori è più che raddoppiata e per alcune forme – soprattutto il tumore al seno – i tassi di guarigione sono saliti all’80%. Ma ciò che fa la differenza e che rappresenta la grande conquista della ricerca è l’aumento delle diagnosi precoci, le uniche che consentono interventi curativi e tempestivi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso