SAPER VIVERE 19 Marzo Mar 2013 1234 19 marzo 2013

Jet lag, come sconfiggere l'insonnia da viaggio

La melatonina regola il ciclo sonno-veglia. L'olio di lavanda è un dolce sedativo. I rimedi naturali per ristabilire l'equilibrio psicofisico.

  • ...
Il jet lag si può combattere con alcuni rimedi naturali.

Il jet lag si può combattere con alcuni rimedi naturali.

Sognare una meta lontana. Ah, che relax. Ma prima è necessario affrontare il viaggio in aereo che, il più delle volte, nasconde qualche insidia: scali pieni di gente, voli cancellati o in ritardo, valigie perse. Anche il più calmo dei viaggiatori perderebbe la testa. E per chi soffre di insonnia, volare diventa un vero e proprio incubo. E i problemi si moltiplicano. Il jet lag, per esempio, può provocare scompiglio nelle abitudini. Ma alcuni rimedi possono alleviare questa sofferenza.
LA MELATONINA REGOLA IL CICLO SONNO-VEGLIA
La melatonina, un ormone naturale venduto anche come integratore, per esempio, regola il ciclo sonno-veglia. Gli esperti ne raccomandano la somministrazione la sera del giorno in cui avete viaggiato e per i due o tre giorni successivi. In ogni caso, è molto importante consultare il medico prima di provare questo rimedio. Anche l'olio essenziale di lavanda è molto utile ed è considerato un attivatore del sonno.
LA LAVANDA, UN DOLCE SEDATIVO
Uno studio condotto nel 2005 da un team di psicologi dell'Università di Wesleyan, in Middletown, ha dimostrato che la lavanda è un dolce sedativo che concilia il sonno. Le persone che l'avevano ingerita, il giorno seguente si sentivano più riposate. L'esperta di rimedi naturali Sara Altshul, che solitamente ha problemi di insonnia quando dorme fuori casa, porta sempre con sé un piccolo flacone di olio di lavanda quando viaggia: «Lo agito e poi lascio cadere qualche goccia sul cuscino. Il delizioso aroma mi rilassa immediatamente».
PYCNOGENOL, IL BENESSERE VIEN DALLA CORTECCIA
Il Pycnogenol, integratore dietetico e naturale estratto dalla corteccia del pino litoraneo europeo - riduce i sintomi del jet lag. Uno studio condotto nel 2008 in Italia ha dimostrato che chi assunse 50 milligrammi di Piycnogenol tre volte al giorno per una settimana, inziando due giorni prima del volo, ebbe meno sintomi (fatica, insonnia e stanchezza mentale) rispetto a chi preferì altri rimedi placebo.
Carlos Schenck, esperto in materia presso il centro di disordini del sonno in Minnesota, raccomanda in ogni caso di rivolgersi al proprio medico prima di intraprendere qualsiasi cura. È importante non mischiare i medicinali con le bevande alcoliche: «Se non avete mai assunto pillole per conciliare il sonno, provate prima a casa, per abituarvi. Non assumetele mai in aereo per la prima volta».
IL SOLE RIGENERA
Quando viaggiate da Ovest verso Est, probabilmente vi sentirete più assonnate il giorno in cui arrivate a destinazione. Dormire il più possibile la notte prima del viaggio vi farà bene. Troverete conforto anche nello stare un po' al sole. «Restate sveglie, accendete una luce intensa al mattino presto o fate una passeggiata al sole», aggiunge Carlos Schenck.
«Evitate però i sonnellini perché solitamente prolungano l'effetto del jet lag. Se, invece, viaggiate da Est verso Ovest e arrivate a destinazione nel pomeriggio, ricaricate le batterie prendendo un po' di sole pomeridiano, e provate a dormire senza cambiare le vostre abitudini», conclude l'esperto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso