SAPER VIVERE 16 Gennaio Gen 2013 1907 16 gennaio 2013

Una sferzata d'energia, come ottenerla

Una passeggiata per ritrovare lo sprint. Il colore rosso contro l'apatia. E i semi di Chia per rinascere.

  • ...
Alcuni trucchi vi aiutano a mantenere alto il livello di energia durante il corso della giornata.

Alcuni trucchi vi aiutano a mantenere alto il livello di energia durante il corso della giornata.

Sonnolenza, vitalità in ribasso e continui sbadigli davanti al pc. Lavorare e affrontare una lunga giornata diventa difficile. Soprattutto quando mancano le energie. Come fare per recuperare un po' di sprint? «Attraverso lo sbadiglio, il nostro corpo cerca di 'raffreddare' il cervello, essenzialmente lo sveglia», ha spiegato Andrew Gallup, ricercatore presso l'università di Princeton.
UNA PASSEGGIATA PER RINASCERE
Per far andare su di giri il motore, in accordo con uno studio sulla personalità e sulla psicologia sociale, fate una passeggiata di 10 minuti. Vi sentirete rinascare. Se siete in ufficio, per recuperare il mood positivo concedetevi una risata: vi farà alzare la pressione sanguigna e darà una rinvigorita al battito cardiaco, risollevandovi dall'apatia. Parola dell'esperto Robert R. Provine, autore del manuale Laughter.
FISSARE UN OGGETTO DI COLORE ROSSO
Secondo un'analisi condotta presso l'universita di Rochester, fissare un oggetto di colore rosso vi farà sentire meglio. Questa nuance farà muovere più velocemente i vostri muscoli e lavorare con maggior vigore, dandovi forza quando più ne avete necessità.
SEMI DI CHIA PER TIRARVI SU
Volete svegliarvi ma un espresso non vi va? Estrapolate l'energia dai semi di Chia. Ricavati da una specie vegetale denominata Salvia hispanica, sono un mix di vitamina B, fibre e proteine: vi tireranno su senza rendervi nervose. Mettete qualche chicco nello yogurt, un vero toccasana. E non dimenticate di fare attività fisica: il 58% di donne intervistate da Self.com ha confessato di sentirsi molto più energica dopo una sessione di allenamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso