SAPER VIVERE 17 Ottobre Ott 2012 1818 17 ottobre 2012

Il colesterolo lo combatto a tavola

Non solo farmaci. L'alimentazione gioca un ruolo importante. Grazie anche all'aiuto di mele e anguria.

  • ...
olio_oliva

L'olio d'oliva è un alleato prezioso contro il colesterolo.

Getty Images/iStockphoto

Problemi cardiaci, vene intasate e ictus: sono questi i rischi che si corrono se il colesterolo nel sangue è troppo. Ma che possono essere allontanati con rimedi naturali, come la frutta. Infatti se da un lato esistono dei farmaci che aiutano ad evitare che questa molecola si depositi sulle pareti dei vasi sanguigni, minacciando la salute, dall'altro sono gli stessi medici a raccomandare di agire, finché possibile, sullo stile di vita, alimentazione inclusa.
PULIRE LE ARTERIE CON IL CIBO
In alcuni casi scegliere i cibi giusti può rivelarsi una strategia efficace a tal punto da eguagliare i benefici dell'assunzione delle statine, i farmaci più utilizzati per affrontare questo problema. Regola fondamentale è limitare l'assunzione dei grassi saturi, come quelli del burro, sostituendoli con quelli monoinsaturi, presenti ad esempio nell'olio di oliva. Altri grandi nemici della salute di cuore e arterie sono i grassi trans, tipici della margarina e dei prodotti da forno confezionati, che oltre a far aumentare i livelli del colesterolo cattivo riducono quelli del colesterolo buono, amico della salute. Cereali integrali, pesce ricco di omega 3, frutta e verdure ricche di fibre sono, invece, gli ingredienti ideali per preparare piatti anti-colesterolo. Una lista a cui, molto presto, potrebbero aggiungersi anche mele e angurie.
SPERANZE DALL'ANGURIA
Una ricerca pubblicata sul Journal of Nutritional Biochemistry ha infatti svelato che l'anguria riduce i livelli di colesterolo cattivo. Anche se i meccanismi alla base di questo effetto non sono stati ancora chiariti, gli esperti hanno accolto positivamente i risultati dei primi esperimenti condotti sui topi, che aggiungono a questo frutto un'ulteriore proprietà benefica oltre alla già nota capacità di abbassare la pressione grazie alla citrullina, una molecola che stimola, indirettamente, la dilatazione dei vasi sanguigni.
MELA, CONCENTRATO DI ANTIOSSIDANTI
La mela, invece, contiene grandi quantità di polifenoli, principi attivi antiossidanti. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Functional Foods basta mangiarne una al giorno per quattro settimane per ridurre il colesterolo cattivo del 40%, un obiettivo molto più alto di quello raggiungibile assumendo solo un estratto di polifenoli. Gli autori di questa ricerca ipotizzano che la mela contenga anche altre molecole la cui azione si somma a quella di questi antiossidanti. Non solo, l'organismo potrebbe assorbire meglio i polifenoli quando sono assunti sotto forma di cibo.
FARMACI E NON SOLO
Resta vero che nelle situazioni più gravi l'uso dei farmaci è indispensabile e che ad abitudini alimentari corrette deve essere sempre abbinato un po' di esercizio fisico. Quando è possibile, però, sembra valga proprio la pena provare a mettere da parte le scatole dei medicinali e tentare di vincere la battaglia contro il colesterolo a colpi di morsi e forchetta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso