15 Febbraio Feb 2018 1350 15 febbraio 2018

Morto Bibi Ballandi: i successi cult da Fiorello a Ballando con le stelle

Se ne va a 71 anni il produttore che ha plasmato il palinsesto televisivo Rai degli ultimi 30 anni.

  • ...
Bibi Ballandi Morto

Chissà come sarebbe stata la televisione italiana degli ultimi trent'anni, se non ci fosse stato Bibi Ballandi. Basta dare un'occhiata ai palinsesti televisivi di un giorno qualunque, per rendersi conto che il panorama catodico recente, quello delle trasmissioni di successo amate anche dalla critica, reca su di sé l'impronta del produttore bolognese, morto a 71 anni a causa di un tumore. Dagli Anni '80 in poi, Ballandi ha promosso nuove strade e nuovi linguaggi sul piccolo schermo, spesso rendendosi artefice di nascite e rinascite artistiche su cui si è sviluppato poi buona parte del panorama vip che oggi conosciamo. E di programma televisivi indimenticabili (o memorabili) Ballandi ne ha prodotti tanti.

BLITZ

Basti pensare a un programma storico come Blitz, scritto da Gianni Minà e Giovanni Minoli e ospitato a partire dal 1983 negli spazi della discoteca Bandiera Gialla, fondata proprio da Ballandi. Già allora, probabilmente, si strinse il sodalizio tra il produttore e Milly Carlucci, che conduceva e interpretava la sigla del programma.

STASERA MI BUTTO

Facciamo un salto in avanti nel tempo e arriviamo al 1990, anno in cui va in onda Stasera mi butto, una sorta di talent show ante litteram dove aspiranti volti dello spettacolo si affrontavano a colpi di imitazioni e scenette comiche. Impressionante la lista dei nomi usciti dal programma: tra gli altri, Giorgio Panariello, Max Giusti, Neri Marcorè e Gianni Fantoni.

BEATO TRA LE DONNE

A Bibi Ballandi è profondamente legato anche Paolo Bonolis, che condusse le edizioni di Beato tra le donne andate in onda su RaiUno tra il 1994 e il 1997. Fu quella, insieme a I cervelloni, una delle esperienze che permisero a Bonolis di lasciarsi definitivamente alle spalle il successo di Bim bum bam e consacrarsi definitivamente come affidabile, estroso conduttore di trasmissioni 'per i grandi'. Beato tra le donne, con le spintarelle che spingevano i concorrenti in piscina, è stato sicuramente uno dei programmi più legati all'immaginario degli Anni '90.

CAPODANNO IN DIRETTA TV

Oggi probabilmente non ne possiamo più, ma il Capodanno in dretta tv, così utile per il conto alla rovescia e oggi format consolidato col nome L'anno che verrà, nel 1994 era una trasmissione innovativa, tutt'altro che scontata. Per tanti anni di sede a Rimini, città a cui Ballandi era profondamente legato e che ospitava anche il Bandiera gialla, ha portato in piazza decine e decine di cantanti e artisti italiani, molti dei quali lanciati proprio da Ballandi.

FRANCAMENTE ME NE INFISCHIO

Per tutti gli Anni '90, la stella di Adriano Celentano sembra essere appannata dopo i successi del decennio precedenti e culminati in Fantastico 8. Il rilancio del molleggiato è targato proprio Bibi Ballandi: il 1999 è l'anno di Francamente me ne infischio, la trasmissione che rilancia il cantante, con tutte le sue provocazioni, le sue pause e il codazzo di polemiche. Boom di ascolti, che spiana la strada alle successive esperienze, ancora più controverse: 125 milioni di caz...te e Rockpolitik.

STASERA PAGO IO

Altro grande nome, altro rilancio: nel 2000 tocca a Fiorello, che con Stasera pago io si impone definitivamente come mattatore televisivo. Da cult le imitazioni di Franco Califano, Ignazio La Russa e Giovanni Muciaccia, ma è anche nella capacità di duettare con qualsiasi ospite che Fiorello dimostra una volta per tutte le sue capacità di showman e mattatore.

BALLANDO CON LE STELLE

Con Ballando con le stelle siamo ormai nel presente, ma è indubbio che la trasmissione condotta da Milly Carlucci a partire dal 2005 abbia acquisito un ruolo di primissimo piano nella storia recente della Rai. Ballandi seppe cogliere al volo il potenziale e le opportunità del format di derivazione britannica, dando vita a quello che è diventato un pilastro del sabato sera di RaiUno. La reazione di Milly Carlucci alla notizia della morte di Bibi Ballandi, comunicatale in diretta da Franco Di Mare, testimonia quanto il legame umano e lavorativo tra i due fosse forte.

TI LASCIO UNA CANZONE

Altra trasmissione che lasciato il segno, forse anche grazie alle polemiche sull'età dei piccoli partecipanti: Ti lascio una canzone, condotto da Antonella Clerici, è stato un altro grande successo. Se non altro perché lì si è formato Il Volo, che ha poi vinto Sanremo, perché il format è stato venduto anche all'estero e perché Mediaset, con Io canto, ha tentato di cavalcare la scia di una delle ultime fortunate scommesse produttive di Bibi Ballandi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso