Festival Sanremo 2018

Festival di Sanremo 2018

7 Febbraio Feb 2018 1250 07 febbraio 2018

Le pagelle ai look della prima serata di Sanremo 2018

Michelle cambia stilista ogni sera. Promosse Nina Zilli e Ornella Vanoni. Bocciati Max Gazze e la coppia Meta-Moro: i voti agli outfit. 

  • ...
Nina Zilli

Con Claudio Baglioni alla direzione creativa del Festival di Sanremo numero 68 la musica torna ad essere vera protagonista della kermesse. Ma la moda, sul palco dell'Ariston, non passerà mai in secondo piano: quest'anno domina grazie alle creazioni disegnate dai grandi stilisti italiani e indossate da concorrenti e conduttori alias Giorgio Armani, Alberta Ferretti, Ermanno Scervino, Dsquared2 e tanti altri i brand che vestono le star per l’occasione. E mentre i ranuncoli contro la violenza adornano tutti i look, tra mise che lasciano senza fiato e qualche scelta infelice abbiamo dato i voti agli outfit della prima serata indossati sul palco dell’Ariston.

Michelle Hunziker: diva Anni '80

La presentatrice svizzera inizia con un abito in velluto nero senza fronzoli ma con una scollatura che lascia poco all’immaginazione. Le spalline rinforzate sono un tuffo nel passato che forse non avremmo voluto fare. Rimandata (alla seconda serata).
Voto: 6 e mezzo.

Papillon ribelle di Claudio Baglioni

Sarà il peso della responsabilità del ruolo di direttore artistico ma il cantante romano ha mantenuto per tutta la sera un’aria ingessata che non gli si addice. E il farfallino gli ha dato il tormento: mai dritto e troppo instabile. Aspettiamo di vederlo più a suo agio.
Voto: 7.

Pierfrancesco Favino, sex simbolo nazionale

Una bellezza intelligente e i modi affabili l’hanno incoronato re della serata. Sceglie uno smoking nella sua versione più classica e centra il tiro. Perché la classe, si sa, va a braccetto con la sobrietà.
Voto: 9.

Max Gazzé e il trono di spade

Ok all’anticonformismo a Sanremo - nessuno si aspetta più solo giacche in seta - ma il soprabito in broccato di lurex con ricami e applicazioni sul petto e sui polsi sembra uscito dal guardaroba di Tyron Lannister. Non ne troviamo il senso.
Voto: 4.

Annalisa sul filo del rasoio

Una nuova immagine più punk per l’interprete dai capelli rossi che osa con mini abito scollatissimo, gioielli in stile barocco e tatuaggi in vista. Rischia l’insufficienza a causa dei poco adatti stivaletti che troncano la figura.
Voto: 6.

L’eterna ironia di Elio e Le Storie Tese

Da mesi giurano di essere pronti per l’addio definitivo ma sul palco sono più in forma che mai. Capitano Elio in versione genio della lampada, il gruppo segue con abbinamenti che non hanno nulla da invidiare a quelli del Divino Otelma. Imprevedibili.
Voto: 10.

Nina Zilli: non chiamatela sposa

La cantautrice piacentina porta un (buon) tocco di glamour al Festival con un abito couture in total bianco, collana con pietre e diamanti preziosissima e capelli raccolti in uno chignon. Arriva tardi (dopo mezzanotte) ma tira su il morale.
Voto: 9.

Ermal Meta e Fabrizio Moro, due facce della stessa medaglia

Si presuppone che un duo sia coerente anche nel look, quantomeno per suscitare nel pubblico un colpo d’occhio piacevole. E invece Ermal opta per un doppiopetto con revers in velluto, Fabrizio jeans neri e catene. Ci aspettiamo di più.
Voto: 5.

Lo Stato (A)Sociale del gessato

Il frontman del gruppo elettropop bolognese mette insieme un completo rigato nei toni del blu, T-shirt stampata, sneakers bianche e occhiali da sole con lenti colorate. Forse è colpa dell’ansia da prestazione del genere Indie nei confronti della 'vecchia' Sanremo. Sicuramente da rivedere.
Voto: 5.

Ornella Vanoni e l’arte dell’incanto

Con 62 anni di carriera alle spalle e nessuna intenzione di fermarsi, Ornella porta un’inconfondibile voce ma anche un grande fascino. Indossa una blusa in raso bianco che lascia scoperte le spalle e le dona un’allure ineguagliabile.
Voto: 8.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso