Ma siete serie?

3 Novembre Nov 2017 1301 03 novembre 2017

Serie tv: cosa vedere a novembre 2017

Gomorra 3, Apple Tree Yard, Alias Grace e Babylon Berlin: novità e consigli per stare sul divano e divorare una puntata dietro l'altra.

  • ...
Serie Tv Novembre 2017

Tristi per le giornate che si fanno via via più corte? Non disperate: ad attendervi a Novembre non c’è solo il freddo, ma alcune tra le serie tv più interessanti dell’anno, assi nella manica delle emittenti e dei servizi di streaming che giocano la partita degli ascolti proprio quando la stagione autunnale entra nel vivo. Stare sul divano con la copertina, insomma, sarà un vero piacere: potrete respirare l’atmosfera misteriosa della Berlino del 1929, addentrarvi nelle vicende intricate di donne coraggiose contemporanee o dell’Ottocento, restare incollate davanti alle vicissitudini del clan napoletano dei Savastano nella terza stagione di Gomorra.

Per le coraggiose - GOMORRA 3

17 novembre su Sky Atlantic HD

Tornano, attesissime, le imprese della famiglia camorrista Savastano e dei loro rivali.

La seconda stagione si era conclusa con la morte di Don Pietro per mano di Ciro, che dopo la lunga battaglia con il clan e dopo aver perso tutto, rinuncia alla lotta per il potere e decide di fuggire da Napoli da solo. Nel frattempo la moglie di Genny, Azzurra, partorisce un figlio, l’ultimo erede dei Savastano. La partita per il potere, però, è ancora aperta e sembra spostarsi da Scampia e Secondigliano al centro di Napoli. Se dopo la morte del padre è Genny l’indiscussa guida del clan, due nuovi boss, Enzo (Arturo Muselli), a capo di una fazione che punta al centro di Napoli, e Valerio (Loris De Luna), della Napoli bene, saranno pronti a dare battaglia alle sue ambizioni.

Nel cast troveremo di nuovo Marco D’Amore nei panni di Ciro e Salvatore Esposito nel ruolo di Genny Savastano.

Da gustare con: una bella pizza napoletana tradizionale: margherita o marinara.

Per le misteriose - APPLE TREE YARD

21 e il 28 novembre su laeffe

Una scienziata di mezz’età con un matrimonio in crisi si imbatte in un affascinante sconosciuto e si imbarca in una relazione extraconiugale con lui, senza rivelare la sua vera identità. Inizialmente la situazione sembra ridarle gioia ed entusiasmo, ma presto la vicenda prende una svolta drammatica: thriller made in UK con protagonista l’attrice inglese Emily Watson.

Da gustare con: fish & chips, direttamente dal Regno Unito.

Per le sensibili - ALIAS GRACE

Dal 3 novembre su Netflix

Dopo The Handsmaid’s Tale, ecco un’altra serie tratta da un romanzo della scrittrice canadese Margaret Artwood, L’altra Grace, a sua volta ispirato a un fatto di cronaca nera del 1843. La miniserie di 6 episodi, in onda su Netflix dal 3 novembre, racconta la storia di Grace (Sarah Gadon), giovane irlandese emigrata negli Stati Uniti. Assunta come cameriera nella casa di un nobile, pur senza prove schiaccianti la ragazza viene condannata al carcere a vita per presunta complicità nell’omicidio del suo padrone di casa e della governate, morti per mano dello stalliere. Grace però non ricorda nulla degli ultimi eventi. Nella serie un medico le fa visita in carcere e le fa raccontare la sua vita, sperando di capire così la verità sull’accaduto.

Da gustare con: té nero, accompagnato da scones farciti con burro e marmellata.

Per le nostalgiche - BABYLON BERLIN

Dal 28 novembre su Sky Atlantic HD

Voglia di un tuffo nella storia del Novecento? Babylon Berlin vi porta nella Berlino del 1929, con un poliziesco misterioso che si snoda sullo sfondo della nascita del Nazionalsocialismo, mentre la Grande Depressione spazza via i fasti dei ruggenti Anni '20. Protagonista il commissario Gereon Rath, ex ufficiale di polizia di Colonia, che seguendo il caso di un misterioso omicidio a sfondo sessuale e legato agli ambienti mafiosi, finirà per essere coinvolto in un mondo di corruzione, squallore e droga che cambieranno per sempre lui e le persone a lui vicine.

Da gustare con: un boccale di birra tedesca e bratwurst con sauerkraut.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso