Grande Fratello Vip 2017

Grande Fratello Vip

2 Ottobre Ott 2017 1335 02 ottobre 2017

Grande Fratello Vip: Marco Predolin bestemmia in diretta

Dopo le frasi omofobe e lo scherzo a Daniele Bossari, ora anche un'imprecazione. Ma chi è l'inquilino della casa? Oltre alla tv, nel suo identikit, c'è molto altro.

  • ...
Marco Predolin al Grande Fratello Vip 2017

Passate quasi sotto silenzio le sue discutibili opinioni su gay e celiaci, questa volta, forse, Marco Predolin ha esagerato. Nella casa del Grande Fratello Vip la sera di domenica primo ottobre il presentatore ha infatti bestemmiato (non è il primo a farlo, qui i suoi predecessori). Subito il pubblico ha iniziato a chiederne l’eliminazione con ancora più convinzione sui social network. I telespettatori avevano già condannato le ‘minacce’ rivolte a Cristiano Malgioglio, da lui ribattezzato ‘La Malgioglia’ perché troppo effeminato: «Lo bruciamo come Giovanna d’Arco», aveva proposto ridendo. «Parla al femminile, io ho paura», aveva detto durante i primi giorni del reality. O ancora: «Sai cosa sarebbe bello? Andiamo di là e budubum» (onomatopea che indica il riempirlo di botte). Nel suo mirino è poi finito anche Daniele Bossari, nel piatto del quale voleva mettere della farina. Uno scherzo poco divertente per il coinquilino intollerante al glutine. Ancora non sappiamo come ha deciso di comportarsi il Grande Fratello Vip. Quello che è certo è che Marco Predolin fa audience. Uno così, per un reality, è indispensabile. Scandalizza, indigna, dunque tiene attaccati allo schermo. Quelli che non si scandalizzano sono invece i suoi coinquilini, alcuni dei quali hanno pure assecondato i suoi discorsi omofobi, che non l’hanno ancora nominato. Per chi non si ricordasse di lui, o non lo conoscesse nemmeno, abbiamo riassunto quello che bisogna sapere sull’ex conduttore tv nella seguente scheda.

Nome: Marco Predolin.

Nato a: Borgo Val di Taro, in provincia di Parma.

Data di nascita: 26 marzo 1951.

Età: 66 anni.

Professione: presentatore tv e conduttore radio.

Residenza: da Pasqua a fine settembre la sua casa è una vecchia barca di 16 metri e mezzo, come ha raccontato a La Stampa, ormeggiata a Porto Rotondo. Mentre per il resto dell’anno si sposta a Milano.

Famiglia: ha un figlio grande negli Stati Uniti, Alan, 44 anni, e due bambine più piccole, Gilda e Bianca, di 14 e 12 anni, avuti da due relazioni precedenti. Ora al suo fianco c’è Laura Fiini, di 26 anni più giovane, che lo difende dalle accuse dei telespettatori: «Chi ha offeso e umiliato il mio compagno, non lo conosce lontanamente», ha dichiarato a Spy la donna che invece non ha commentato la 'palpatina' che Marco Predolin ha regalato a una quasi inconsapevole Carmen Di Pietro durante l'esercitazione per una prova.

Gli inizi: sulle navi da crociera dirette ai Caraibi insieme a un gruppo musicale. Ancora oggi Predolin suona in giro per l’Italia con la sua PredoBand.

Il trampolino di lancio: Radio Montecarlo, dove ha iniziato nel 1979. In tv invece la sua prima esperienza è stata in un programma per bambini in onda su Tele Montecarlo.

Programmi famosi: Il gioco delle coppie, che ha condotto per cinque anni. Nella trasmissione i concorrenti dovevano trovare un partner solo sulla base delle risposte date dai pretendenti che non potevano vedere. Poi Miss Italia nel 1985, Una rotonda sul mare, I circhi nel mondo per citarne alcuni ma la lista è lunga.

Cinema: Assolto per aver commesso il fatto, insieme ad Alberto Sordi e Vogliamoci troppo bene, con Francesco Salvi.

Letteratura: Marco Predolin non si è risparmiato e ha scritto anche due libri: Chi non muore si rivede e Sfigati, manuale di autodiagnosi.

Politica: a maggio 2011 ha provato a candidarsi come consigliere comunale di Milano a fianco di Letizia Moratti. Ma ha ricevuto solo 13 preferenze.

Reality: nel 2004 è stato uno dei concorrenti de La talpa, il reality in onda su RaiDue.

Passioni: le immersioni e la cucina. Dal 2010 Predolin ha rilevato in Sardegna il ristorante I Pirati a Porto Rotondo ed è istruttore subacqueo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso