8 Settembre Set 2017 1406 08 settembre 2017

Too Good At Goodbyes: il ritorno di Sam Smith

Dopo due anni di silenzio, il cantante inglese si prepara al lancio del suo nuovo album. Il singolo che lo anticipia, intanto, raccoglie recensioni molto positive.

  • ...
Sam Smith

L’avevamo lasciato in cima alle classifiche triste e paffutello, lo ritroviamo con qualche chilo in meno e un po’ più allegro. Come andrà in classifica, è da vedere. Ma il ritorno di Sam Smith era uno degli appuntamenti musicali più attesi del 2017, quindi c’è da aspettarsi un successo pari, se non superiore, a quello che gli aveva arriso nel 2014 con The Lonely Hour. Si riparte dal singolo Too Good At Goodbyes, brano che, stando alle parole dello stesso Smith, racconta di «una relazione in cui mi trovavo e riguarda fondamentalmente il diventare bravi nell’essere scaricati». Dai suoi partner, forse, ma non dai suoi fan.

ANDARE SUL SICURO

E il brano con cui ritorna sembra proprio voler accontentare i fan. Secondo Forbes Smith non rischia, ma rimane nella sua comfort zone con una canzone che non sarebbe sfigurata affatto come bonus track nell’album precedente. Allo stesso modo, la tristezza a cui ci aveva abituato. Attenzione, però, a giudicare Smith da questa scelta conservativa. Perché, sempre come dice Forbes, è positivo che, in un’epoca in cui gli artisti sembrano costretti a rinnovarsi e stupire di album in album, ci sia ancora qualcuno che invece continui a credere in qualcosa che già funziona. Cautela, dunque, nel dire che Smith non si è evoluto.

COME ADELE?

Ma c’è anche chi già si lancia in paragoni importanti e impegnativi, come fa Variety nell’accostarlo ad Adele per le qualità vocali. Insomma, non c’è solo la loro collaborazione con la saga di James Bond ad accomunarli. Secondo il magazine statunitense, la tragicità della voce di Smith ha una classicità intrinseca. Quelli di Rolling Stones, più sensibili, definiscono il brano «commovente», e lodano l’accompagnamento essenziale al pianoforte.

IN ATTESA DELL’ALBUM

Si sa poco, invece, sul nuovo album. Di certo non il titolo, che Sam Smith ha voluto tenersi per sé. Un ruolo importante l’ha avuto Jimmy Napes, con cui ha lavorato ai testi: a dispetto di quanto udito nel singolo, Smith ha annunciato che, se possibile, il mood complessivo sarà ancora più cupo, e che in sala di registrazione ha sentito il bisogno di sfidare se stesso. Dal singolo tutto questo non traspare. Per capire se Sam è stato sincero con se stesso, non ci resta che attendere l’uscita del nuovo album.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso