Ma siete serie?

18 Agosto Ago 2017 1355 18 agosto 2017

Le wrestler mandano al tappeto gli amici

Nella rubrica Ma siete serie?, la nostra esperta di serie tivù Elisa Pavan vi suggerisce ogni mese gli show televisivi da vedere e quelli da evitare. Ecco i consigli (e gli avvertimenti) di agosto.

  • ...

IL TOP: GLOW
Data di uscita: 23 giugno 2017
Distribuito da Netflix

Possono delle donne disagiate e senza alcuna preparazione atletica professionale diventare leggende del wrestling? La risposta ve la dà Glow. Dai creatori di Orange is the New Black, ecco un’altra storia in cui le protagoniste sono donne in cerca di riscatto. Un variegato mix di etnie, corporature e caratteri messi su un ring nella Los Angeles degli Anni '80 dal regista di b movies Sam Sylva (Marc Maron), deciso a lanciare uno show di wrestling femminile per rilanciare la sua carriera: Glow, ovvero le Gloriose lottatrici del wrestling.
Tra le protagoniste, Ruth (Alison Brie), un’attrice che vorrebbe dedicarsi al cinema e al teatro impegnato ma non trova ingaggi, e Debbie (Bettie Gilpin), che ha assaggiato la fama interpretando una soap opera, ma è finita a fare la mamma e moglie a tempo pieno senza convinzione.
La serie è ben scritta e recitata, ricca di personaggi sfaccettati. Per amarla non serve essere amanti del wrestling, anzi: puntata dopo puntata, Glow ci accompagna alla scoperta della disciplina, mostrandoci in modo semiserio che cosa c’è dietro la costruzione di uno show che in prima battuta potrebbe sembrare sciocco, ma al contrario è studiato in ogni dettaglio. La serie prende liberamente spunto dal vero programma tv Glow, andato in onda per la prima volta in USA nel 1986, ma storia e protagonisti sono in tutto e per tutto originali. In più, la colonna sonora è meravigliosa. Non fatevelo scappare!

Perché vederlo: idea originale, bei personaggi, ottima recitazione
Voto: 8

IL FLOP: FRIENDS FROM COLLEGE
Data di uscita: 14 luglio 2017
Distribuito da Netflix

Pensate che seguire le avventure di un gruppo di amici del college a vent’anni dalla laurea sia qualcosa di assolutamente divertente? Errore. Dimenticate Friends o How I Met Your Mother. In Friends from College le risate lasciano spazio a risolini con un retrogusto amaro fatto di delusioni, compromessi e segreti. Il tutto senza una vera trama che traghetti la serie da qualche parte. La premessa non è nulla di originale: si parla di un gruppo di sei amici rimasti in contatto dai tempi dell’università, che tornano a frequentarsi in modo più assiduo quando Lisa e Ethan, da tempo residenti a Chicago, tornano a vivere a New York. Peccato che, lungi dall’essere in grado di supportarsi a vicenda, i protagonisti siano continuamente alle prese con crisi professionali e personali, dilemmi amorosi e pentimenti, creando dinamiche disfunzionali e distruttive per se stessi e i propri familiari ogni volta che stanno insieme. Come Ethan e Samantha che, alle spalle dei rispettivi coniugi, mantengono da vent’anni una relazione sessuale a cui nessuno dei due sembra in grado di rinunciare. Per ricapitolare, se non non siete in vena di assistere allo spettacolo di sei persone in crisi di mezz’età che si barcamenano tra tradimenti e bugie vedendo le proprie aspirazioni disattese, lasciate perdere. L’unico motivo per cui dovreste vederlo? Se vi manca Robin di How I Met Your Mother, una delle protagoniste, Lisa, è l’attrice canadese Cobie Smulders.

Perché evitarlo: confusionario, personaggi irritanti, trama inesistente
Voto: 4

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso