8 Gennaio Gen 2018 1755 08 gennaio 2018

Chi è Emilia Macchi, la moglie di Roberto Maroni

Il politico della Lega Nord non si ricandida in Lombardia. Per lui si profila un ritorno a Roma. Magari addirittura da Presidente del Consiglio. Al suo fianco, la compagna di una vita.

  • ...
Emilia Macchi Moglie Roberto Maroni 2

Da first sciura a first lady. Potrebbe essere questo il percorso che attende Emilia Macchi, la moglie del governatore uscente della Lombardia Roberto Maroni. Dopo l'annuncio in cui Bobo ha rinunciato a ricandidarsi per la regione, è apparso chiaro a molti che il leghista abbia intenzione di calare nuovamente verso Roma, in previsione di una ormai sempre più probabile affermazione del centrodestra alle elezioni politiche del 4 marzo 2018. Forse potrebbe toccargli in sorte un incarico di governo, come in passato. Ma c'è chi dice che possa ambire addirittura a Palazzo Chigi, scalzando Salvini e contando invece sull'apporto del redivivo Berlusconi. In questo tourbillon di alleanze, chissà che anche Emilia Macchi non possa dare un importante contributo alla partita di Bobo.

DA MILANO A ROMA

D'altra parte, già in aprile un articolo del Foglio puntato sullo scenario milanese annoverava Lady Maroni in quel circolo di mogli e compagne fondamentali per costruire il consenso. A Milano e in Lombardia, almeno; perché non è detto che a Roma Emilia Macchi si trovi altrettanto a suo agio. Certo, conosce l'ambiente, come già l'ha conosciuto il marito; ma il palcoscenico è più ampio e la mentalità meneghina meno influente.

INSIEME DAL LICEO

Il legame che unisce Emilia e Roberto è di lunga data: si sono conosciuti al liceo classico Caroli di Varese, e da allora non si sono più lasciati. Nonostante all'inizio la signora Macchi maldigerisse l'impegno politico del marito, ai tempi delle scorribande notturne dei primi Anni '90 al fianco di Umberto Bossi, col passare del tempo ha accettato il suo ruolo di consigliera silenziosa e lontana dai riflettori. Riflettori che però, suo malgrado, l'avevano intercettata nel 2012: nel mirino dei giornalisti era finito il suo incarico 25ennale nell'Alenia Aermacchi, società del gruppo Finmeccanica. Di mezzo c'era la sua conoscenza con Orsi, amministratore del gruppo, e indagato all'epoca per corruzione (e poi assolto). Nello stesso periodo in cui anche la Lega Nord era stata accusata di aver ricevuto tangenti.
Storia passata, comunque. Negli anni successivi la stampa si è pressoché dimenticata di lei, che si è limitata a un basso profilo accompagnando il marito di tanto in tanto in occasione di alcuni eventi pubblici. Ma è possibile che, con la Presidenza del Consiglio in ballo, Emilia debba vincere la propria ritrosia e tornare a tessere quella rete di contatti che potrebbero portarla a diventare la first lady di tutto il Paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso