20 Dicembre Dic 2017 1242 20 dicembre 2017

Chi è Antonia Klugmann, la nuova giudice di Masterchef

Il suo ristorante, L'Argine, conquistò in poco tempo una Stella Michelin. È contro lo spreco e ama le materie prime di stagione. Da giovedì 21 dicembre è su Sky al posto di Carlo Cracco.

  • ...
Masterchef Antonia Klugmann

L'assenza di Carlo Cracco e la sua Stella Michelin persa sembrano tenere ancora banco nella cucina di Masterchef, al via la settima edizione giovedì 21 dicembre, ma a pochi giorni dall'inizio l'attenzione si è concentrata soprattutto sulla new entry della formazione: la giudice e chef Antonia Klugmann, che al fianco di Bastianich, Barbieri e Canavacciuolo ha il difficile compito di raccogliere l'eredità del suo carismatico predecessore. L'annuncio della sua partecipazione al cooking show di Sky era arrivato ad aprile, e molti ne erano stati subito felici. Dopo anni di conduzioni al maschile, un volto femminile porterà sicuramente una ventata di aria fresca al programma. Che, tra l'altro, è stato da poco inserito nel Guinnes dei Primati come format culinario più seguito al mondo. Qualche informazioni in più su Antonia, che si preannuncia essere la voce più severa di tutte.

DALLA LEGGE ALLA CUCINA

Classe 1979, Antonia Klugmann nasce a Trieste, ma come si legge spesso di lei è «friulana di adozione». Il suo ristorante, L'Argine, è infatti immerso nella campagna vicino a Vencò, in provincia di Gorizia. Lo aprì nel 2014, dopo aver cambiato radicalmente la direzione che stava prendendo la sua vita. Ala fine del liceo, dopo la maturità classica, per lei si erano aperte le porte della facoltà di Giurisprudenza. Le lezioni, gli esami, il trasferimento a Milano, dove studiava in Statale. In contemporanea, però, si avvicina ai primi corsi di gastronomia, che finiranno per conquistarla definitivamente, facendole rinunciare agli studi. Da quel momento, la sua missione è imparare tutto il possibile sulla cucina, e lavorare nei migliori ristoranti.

DA APPRENDISTA A CHEF

Dopo un incidente automobilistico che la tenne ferma per quasi un anno, aprì nel 2006 il ristorante Antico Foledor Conte Lovaria a Pavia di Udine, con il compagno Romano de Feo, fino al 2011. Poi, l'ingresso come chef in una cucina stellata, quella veneziana del Venissa, e il lavoro continuo sulle proprie specialità. Che hanno iniziato a virare sempre più verso la cura degli ingredienti stagionali, sulle verdure della propria terra e sulla valorizzazione di erbe e aromi, anche selvatici. Nel 2014 l'approdo all'Argine, ricavato da un vecchio mulino. I coperti sono pochi (appena 15), ma la location e la qualità del menù valsero alla Krugmann una Stella Michelin a pochi mesi dall'apertura. Come ha raccontato lei stessa, la disciplina, nella sua brigata, è fondamentale: tutti devono essere in grado di riconoscere e raccogliere le piante che crescono spontanee nelle vicinanze. I suoi piatti più famosi sono il carpaccio al midollo, cavolo nero e betulla e i nervetti alla nespola e al caffè. La sua parola d'ordine è 'no allo spreco',

E ORA GIUDICE

Da donna chef, e ora unica giudice di Masterchef, Antonia Klugmann è consapevole di essere una minoranza nel suo ambiente. Un disequilibrio strano fra cucina domestica e cucina professionale, dove la componente femminile sparisce man mano che si sale verso i piani alti della gastronomia. Lei, del resto, in Italia ha la possibilità di far vedere che uno chef uomo non è l'unica strada possibile. E come hanno raccontato i suoi tre nuovi colleghi, ha saputo dimostrare di avere carattere durante le riprese del programma. Sul suo compito di giudice, ha detto: «La chiave materna non viene fuori, non è il mio approccio: per me la cucina è lavoro, sono meritocratica. Instauro un rapporto empatico con chi se lo merita. Con le donne forse sono un po' più severa, perché conosco l'ambiente in cui lavoro e sento la responsabilità di aiutarle per il loro futuro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso