1 Dicembre Dic 2017 1134 01 dicembre 2017

Michiko: chi è la moglie dell'Imperatore del Giappone Akihito

Dal Giappone arrivano le dimissioni ufficiali: la fine del suo regno è prevista per il 30 aprile 2019. Al suo fianco, in questi anni, c'è lei: la prima borghese in famiglia.

  • ...
Imperatore Giappone Moglie Michiko Akihito

Hanno un tempo tutto loro, in Giappone. Velocissimo in alcune cose, i grattacieli e i treni futuristici, lentissimo in altre. E quando si tratta del rispetto dell'etichetta e della tradizione, sono più rigidi che mai. È una società in cui ci vuole molto tempo per cambiamenti minuscoli. L'annuncio ufficiale delle dimissioni delll'Imperatore Akihito, in programma per il 30 aprile 2019, è quindi una notizia al limite dello sconvolgente per il Sollevante, anche se se ne parlava già da tempo. Dopo aver comunicato la sua intenzione di ritirarsi dai suoi incarichi per via dell'età (ha 83 anni), il 125esimo erede della dinastia è pronto a lasciare il trono ali figlio Naruhito e a proseguire la sua vita a fianco della moglie Michiko. Una figura che, ai tempi del suo matrimonio con Akihito, spacco l'opinione pubblica del Paese. È stata, infatti, il primo membro della famiglia a non aver origini nobiliari, ma borghesi. Per i solenni tempi giapponesi, Michiko e Akihito sono quasi dei rivoluzionari.

LA PRIMA ECCEZIONE

Si conobbero nell'estate del 1957, durante una partita di tennis. Michiko era la promettente figlia di Hidesaburo Shoda, presidente della Nisshin Seifun, famosa azienda alimentare giapponese. Akihito, invece, era destinato a essere il primo Imperatore a regnare senza prerogative divine, dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. Il matrimonio fra i due fu annunciato nel 1959, suscitando felicità in gran parte della popolazione, che amava la futura regnante in quanto 'donna comune', e la condanna dei più fedeli conservatori. Pur non avendo sangue blu nelle vene, la giovane di Tokyo faceva comunque parte di un'élite colta e ristretta: laureatasi in Letteratura all'Università Cattolica di Tokyo, aveva frequentato per brevi periodi anche Harvard e Oxford. Temple-Chan, come la chiamavano da bambina per via dei suoi ricci alla Shirley Temple, si trovò subito in sintonia con il giovane erede, con cui convidivideva l'amore per la natura e la vita all'aria aperta.

PROFESSIONE IMPERATORI

Nei 28 anni di regno, i due sono gli imperatori che hanno viaggiato di più nella storia della monarchia giapponese. Complici i moderni mezzi di trasporto, ma non solo. La coppia infatti è stata la prima, nel 1992, a mettere piede sul suolo cinese e tiene fede alla Costituzione stabilita nel secondo dopoguerra che prevede che il Giappone non possa avere un esercito. Akihito ha sempre difeso questa scelta di disarmo perenne, in opposizione al governo di Shinzo Abe che vorrebbe invece puntare al riarmo. Con Michiko costantemente al suo fianco, ha cercato di mantenere il più possibile una posizione pacifista, in un Estremo Oriente dagli equilibri sempre più delicati.

UNA VITA DEDICATA ALL'ETICHETTA

Aver sposato un Imperatore può sembrare un privilegio, ma considerando la rigidissima etichetta della Kunaicho, equivale a una vita di formalità e obblighi. A cui Michiko si è dovuta adattare di buon grado da subito. Per farsi un'idea di cosa significhi essere nella famiglia imperiale giapponese, basti pensare che la donna, prima di poter fare una passeggiata per le strade di Tokyo, deve avvissare l'enorme apparato burocratico che le ruota attorno almeno 14 giorni prima, mentre in tutte le occasioni pubbliche è sempre a camminare tre passi dietro al marito. E ancora, non le è permesso possedere un telefono cellulare, dei documenti, nè soldi. Tutte le proprietà di Achiko e famiglia sono in realtà statale: loro non possono possedere nulla di personale. E se l'anziana donna è riuscita a convivere con tutte queste strette imposizioni, lo stesso non si può dire della nuora Masako, consorte dell'erede Naruhito. Soprannominata dai media 'Principessa Triste' per la sua difficoltà a sopportare tutte le regole della Kunaicho, anche lei ha origini non nobili, ma borghesi. Probabilmente è per questo che Michiko ha sempre cercato di sostenerla, e difenderla dagli attacchi della stampa. A maggio 2019, anche loro due si scambieranno il pesante testimone imperiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso