17 Ottobre Ott 2017 1530 17 ottobre 2017

Hell's Kitchen: chi è Monica Zamuner, «vecchia» chef vegana

A Carlo Cracco non piacciono i suoi piatti e non si integra con la brigata rossa. Ma ha battuto Marta Sandini e per lei la sfida continua.

  • ...
Hell's Kitchen Monica Zamuner

Sembrava una sfida dall’esito annunciato quella fra le concorrenti del talent culinario Hell’s Kitchen, Monica Zamuner e Marta Sandini. La prima era già stata considerata la peggiore della brigata rossa, la seconda aveva ottenuto gli elogi dello chef Carlo Cracco per il suo ossobuco. Ma se l’omelette è venuta male c’è poco da fare e di sicuro non c’è modo di nasconderlo al cuoco più burbero d’Italia, che ogni martedì sprona su Sky Uno gli aspiranti colleghi a fare del loro meglio. Tentare di rigirare la frittata, anche metaforicamente parlando, è inutile e Marta Sandini non ci ha nemmeno provato: «Sono le ricette più semplici quelle che mettono in difficoltà e il piatto di Monica Zamuner era migliore del mio», ammette con semplicità la concorrente eliminata. E se per le altre ragazze mettere la più forte fra loro contro la più emarginata del gruppo era un'ovvia strategia, il piano si è rivelato invece un fallimento. Adesso conviene loro riflettere sui propri sbagli, cercando magari di apprezzare e sfruttare meglio le potenzialità della compagna rimasta in gioco.

MONICA ZAMUNER, CONVINTA CUOCA VEGANA

L’esperienza non le manca e nemmeno la voglia di mettersi in discussione, visto che Monica Zamuner, alla soglia dei 50 anni, ha deciso di partecipare a Hell’s Kitchen, ben cosciente di quello a cui andava incontro. È vero che lei non fa particolari sforzi a risultare simpatica, tutta assorta com’è nella sua visione new age di una cucina ispirata ai principi ayurvedici, scanditi come se si trovasse davanti a una classe ottusa (tanto che Federica Liuzzi la trova «vecchia e pesante»). Tuttavia proprio per le sue convinzioni Monica Zamuner è anche disposta a rischiare. Ad esempio sottoponendo al giudizio di Carlo Cracco un piatto come il ‘Topinambur ai Caraibi’: lo chef ha trovato la ricetta disgustosa, ma a noi ha incuriosito. Perché, quasi sempre, sono i personaggi un po’ insoliti quelli che nascondono qualcosa in più sul loro conto.

Nome: Monica Zamuner.

Nata a: Milano.

Vive a: Crema, in provincia di Cremona.

Età: 49 anni.

Professione: personal chef vegana, cucina a domicilio per i clienti.

Caratteristiche: un paio di grandi occhiali da vista dalla montatura blu.

Segni particolari: reagisce ai commenti con delle smorfie buffe. Perfette per una gif.

Famiglia: è single con due figli.

Studi: ha studiato Scienze psicologiche all’università di Bergamo.

Esordi: la prima cosa che Monica Zamuner ha sfornato è stata «una torta piccola piccola» per sua madre. A 23 anni insieme al compagno di allora, invece, ha aperto un bistrot a Milano. Poi un ristorante e una caffetteria a Lodi.

Segreto in cucina: «la ricerca del principio nutriente dell’alimento», sostiene la concorrente di Hell’s Kitchen. Il suo scopo è creare piatti che racchiudano i sei sapori della medicina ayurvedica. Quali sono? Dolce, salato, piccante, acido, amaro ed astringente.

Non crede: «nella cucina del superfluo. Perché noi mangiamo prima di tutto per nutrirci, e poi per emozionarci», afferma Monica Zamuner.

Modelli: lo chef Niko Romito, di origini abruzzesi ma insediato a Milano. Un professionista dalla personalità magnetica, secondo la cuoca.

Le critiche di Carlo Cracco: quando le ha detto che il piatto era «immangiabile», Monica Zamuner ci è rimasta malissimo per averlo deluso.

Il motto: «Cucina solo se sei sereno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso