10 Ottobre Ott 2017 1834 10 ottobre 2017

Hell's Kitchen: chi è Erika Ciaccia, la cuoca che non teme Carlo Cracco

Appassionata di moda e un po' altezzosa, risulta una concorrente poco simpatica. Ma attenzione: i fornelli li conosce molto bene.

  • ...
Erika Ciaccia Hell's Kitchen Italia

Per andare a firmare il patto col diavolo Erika Ciaccia si è messa cappello e pelliccia. Se dev’essere l’ultima cosa che fai tanto vale essere eleganti, deve aver pensato la ragazza. Il diavolo in questo caso è Carlo Cracco, che il 3 ottobre è tornato a urlare nelle cucine di Hell’s Kitchen, il cooking show in onda il martedì sera su SkyUno. E se è vero che non muore nessuno di sicuro, fra insulti e piatti rotti, sopportare lo chef più famoso del Paese è un inferno. La concorrente, arrivata come se fosse a una sfilata di moda, non lo ha convinto, ma lo ha stupito.

Con quel fare un po’ altezzoso e la fissazione per la messa in piega perfetta, Erika Ciaccia, in generale, non risulta molto simpatica. Gli altri del gruppo la salutano con la manina rigida come fosse la regina d’Inghilterra e su Twitter il pubblico la paragona alla fashion blogger Chiara Ferragni. Tuttavia, a suo favore bisogna dire che nella prima puntata, mentre all’interno della squadra femminile già iniziavao le prime poleliche, lei era al suo posto che lavorava sodo. Perché è fanatica dei vestiti, è molto attenta alla sua immagine, ma in fondo è in cucina fin da bambina. E alle critiche pesanti è abituata: papà Tonino, anche lui chef e proprietario del ristorante in cui Erika Ciaccia lavora, non ha mai risparmiato alla figlia i giudizi negativi. Per questo lei ha paura fino a un certo punto delle celebri sfuriate di Carlo Cracco. A noi questa ragazza che cerca «la femminilità» in ogni aspetto della vita ha incuriosito. Perché alla fine, se vuole pettinarsi oppure no, sono affari suoi e sa benissimo che a Hell’s Kitchen sono giudicati i suoi piatti e non i suoi capelli. Cresciuta in un ambiente familiare e privilegiato, come ammette lei stessa, ha deciso di lasciare il lavoro e mettersi in gioco. Il rischio ora è che dal genitore allo chef vicentino sia caduta dalla padella alla brace. Ma se fosse così lo farebbe di sicuro senza spettinarsi.

Nome: Erika Ciaccia.

Età: 29 anni.

Nata a: Mesagne, in provincia di Brindisi.

Vive a: Ostuni.

Professione: è aiuto cuoco al 'Porta Nova', il ristorante di famiglia.

Esordi: inizia a spadellare a soli 11 anni. La passione per i fornelli Erika Caccia ce l’ha nel sangue.

Parenti: il modello in cucina è suo padre Tonino che, dopo aver girato il mondo, si è stabilito in Puglia. In sala ci sono la mamma Vittoriana e suo fratello Mirko, sommelier.

Fidanzato: Adriano Zaccaria, anche lui di Ostuni.

Segni particolari: il rossetto rosso fuoco.

La fissazione: i capelli. «Che devono essere sempre perfetti», come precisa Erika. Anche quando corre per la cucina di Hell's Kitchen mentre Carlo Cracco le urla: «Più veloceee».

Il suo modello fashion: Sarah Jessica Parker nei panni di Samantha di Sex and The city.

Ingrediente preferito: lo zenzero.

Cavallo di battaglia: i piatti coi prodotti pugliesi della tradizione. Melanzane, pomodori e pesce sono i re dei piatti del suo ristorante.

Il motto: «La mia cucina è donna». Che significa che il piatto deve essere colorato e ben guarnito, «perché prima di arrivare al palato deve conquistare l’occhio», spiega la stessa Erika Ciaccia.

Di cosa ha paura: di rovinarsi lo smalto a Hell's Kitchen. Lo dice scherzando, ma non troppo.

Si considera: una «Donna con la D maiuscola».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso