4 Ottobre Ott 2017 1656 04 ottobre 2017

Vogue: chi è Lauren Hutton, in copertina a 73 anni

La modella statunitense non solo detiene il record di cover sulla versione statunitense del magazine, ma è anche la più anziana tenendo conto di tutte le edizioni al mondo della rivista.

  • ...
Lauren Hutton

Che il mondo della moda abbia scoperto il potere pubblicitario delle modelle 70enni, vuoi per marketing vuoi perché ci credono davvero, non è una novità. E, di volta in volta, brand e case editrici si inventano sempre un nuovo record da battere: come quello di Lauren Hutton, che a 73 anni e 11 mesi finisce sulla copertina di Vogue Italia. Il record, però, è mondiale e non legato solo allo Stivale: mai, su nessuna edizione di nessun Paese in cui viene pubblicato il magazine nato a New York, una donna così anziana era finita in copertina. «È la più importante che io abbia mai fatto, quella che più mi fa sentire utile», ha spiegato Hutton. «La sognavo da un pezzo, ci voleva il coraggio di Vogue Italia per pubblicarla. Questa è una copertina che può cambiare la società. Perché rappresenta una donna attraente, piena di vita, che ride ancora, e che per la prima volta è una donna della mia età».

UNA QUESTIONE DI INCLUSIVITÀ

La supermodella, quindi, restituisce al mittente (in questo caso, anche noi), i dubbi sulle operazioni fashion che coinvolgono gli over. E lo stesso fa il direttore Farneti, chiamato a raccogliere la difficile eredità di Franca Sozzani: «Non si tratta tanto di chiedersi se 'old age is having a fashion moment' [...] È piuttosto, pensiamo, un tema di inclusiva diversità, la vera sfida contemporanea: vale per il genere, e per il fattore etnico, e vale anche per l'età». Per questo il numero di Vogue è dedicato tutto alle over 70.
Ciò detto, è arrivato il momento di conoscere meglio Lauren Hutton.

Chi è: Lauren Hutton è una modella. È nata il 17 novembre 1943.

Il suo vero nome: Mary Laurence Hutton.

Che cosa faceva agli inizi: la coniglietta di Playboy in un club. Un periodo che ha commentato così, senza censure: «È stata un'esperienza positiva, perché mi ha insegnato il potere della f*ga».

Perché ha cambiato nome: perché quando è arrivata in quel club c'erano già troppe Mary, così scelse di chiamarsi Lauren, come l'attrice Bacall.

Il difetto che l'ha portata al successo: uno spazio tra gli incisivi che all'inizio camuffava con una capsula che però finiva sempre per inghiottire. Così alla fine decise di posare con la sua dentatura al naturale. E così si distinse da tutte le altre modelle.

Il mega-contratto con Revlon: nel 1973, per soli 20 giorni di lavoro, venne pagata 250 mila dollari. Che oggi equivarrebbero a circa un milione e 350 mila euro.

Il record: è finita sulla copertina di Vogue America per ben 27 volte.

Il nudo che ha fatto la storia: quello sfoggiato a 61 anni in un servizio per la rivista Big. Prima di accettare, ha chiesto il permesso ai suoi 14 figliocci.

Il film per cui la ricordiamo: American Gigolò, in cui interpreta la donna che ricorre ai servigi di Richard Gere.

L'hobby che le ha provocato un incidente: quello per il motociclismo. Nel 2000, mentre era in viaggio con Dennis Hopper, Laurence Fishburne e Jeremy Irons per motivi promozionali, cadde mentre filava a 160 km/h. Ne uscì piuttosto malconcia (fratture multiple alle gambe, un braccio rotto, costole e sterno rotti, un polmone fratturato), ma viva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso