21 Agosto Ago 2017 1331 21 agosto 2017

La violenza stona sempre

«Se lei assaggia i suoi colpi, non dimenticherà il suo amore». Tra le polemiche la cantante marocchina Imane Bent El Howati difende gli abusi domestici. Cinque brani da preferire ai suoi.

  • ...
Imane

«Uno schiaffo ti aggiusta l'umore». Non sono le parole di un uomo violento, ma quelle cantate da Imane Bent El Howati, una cantante marocchina (sì, una donna) nel mirino delle critiche per il testo del suo ultimo singolo, che loda le violenze domestiche. «Se lei assaggia i suoi colpi, non dimenticherà il suo amore/Anche se mi picchia, non lascerebbe nessun altro picchiarmi/Anche se mi picchia, lo fa perché è geloso e mi ama/Si dice che le percosse vengano dal paradiso e chi le riceve va in pace», canta Imane, con un gran sorriso gioioso. Intervistata da Al Jazeera rimane ferma sulle sue posizioni: «In quale altro modo una donna può sapere se il suo uomo la ama e se gli importa di lei?». Le reazioni online sono scioccate, e lo sconcerto arriva soprattutto dai concittadini della cantante, che non condividono affatto gli stessi principi, giudicati malsani. Zohra, ad esempio, scrive: «Non riesco a trovare le parole per esprimere cosa mi fanno provare questo tipo di canzoni. Incoraggiano la violenza. Ed è una donna a farlo. E le persone danzeranno su queste note!» O, ancora, Abdelarim: «Questa canzone è spazzatura. Le donne vanno trattate con rispetto. Questo brano non lo fa e per questo non lo ascolteremo». Anche Nafissa non si sente rappresentata dalla canzone: «A noi piace essere rispettate, non picchiate».

MASCHILISMO BEN RADICATO
Ma attenzione ai giudizi affrettati. Prendersela con lei sarebbe semplicistico e riduttivo. La ragazza è visibilmente confusa e fa il gioco di quegli uomini che le hanno insegnato che è giusto così, lo si capisce da alcune sue affermazioni: «Lui potrebbe spingerla o tirarle uno schiaffo. È normale». O ancora: «Io sto dalla parte delle percosse dolci, quelle affettuose, per gelosia. Quelle di cui hai bisogno. Solo quelli che ti amano ti picchiano», dice, lasciando esterrefatti gli ascoltatori. «Non è vero che io incoraggio la violenza, se un uomo prende una donna e la picchia tanto da lasciarle una cicatrice non sono d'accordo». È chiaro che non si renda conto della gravità delle sue affermazioni, lo dimostrano i suoi commenti incoerenti e contrastanti. Il suo pensiero è frutto di una cultura della violenza che purtroppo è ben radicata nel Paese. Così radicata da essere portata avanti dalle stesse vittime. Ma la situazione non è da sottovalutare: due terzi delle marocchine soffrono di molestie fisiche, psicologiche e sessuali.

Per rispondere a questo brano dal testo pericoloso e offensivo abbiamo selezionato cinque canzoni contro la violenza domestica. Queste sì che mandano un messaggio che fa del bene alle donne.


JOHN LENNON & YOKO ONO, WOMAN IS THE NIGGER OF THE WORLD
Tra le più popolari c'è sicuramente Woman is the Nigger of the World, che John Lennon scrisse per il movimento femminista. Racconta le discriminazioni subite della donna e il trattamento che la società le riserva, paragonandola agli schiavi africani abusati, sottomessi e sfruttati.


NICK CAVE E KYLIE MINGOUE, WHERE THE WILD ROSES GROW
Con Where the Wild Roses Grow Nick Cave e Kylie Mingoue, invece, parlano di femminicidio e dei cosiddetti 'delitti di passione', descritti piuttosto come violenze che nulla hanno a che fare con l'amore.


LOU REED, CAROLINE SAYS
Ci sono poi brani che raccontano singole storie di abusi. Caroline Says, ad esempio, parla delle drammatiche esperienze subite da Caroline, appunto. La cantante, Lou Reed, descrive la sua protagonista come una donna dall'animo forte e resistente, seppur fisicamente fragile.


TORI AMOS, ME AND A GUN
Allo stesso modo Me and a Gun racconta un'esperienza personale. È  una delle canzoni più forti che si possono ascoltare su questo tema, perché parla dello stupro di cui è stata vittima la stessa cantante, Tori Amos.


SONIC YOUTH, SHOOT
Il testo di Shoot, dei Sonic Youth, parla invece di una donna incinta con un forte desiderio di indipendenza: vuole scappare dal compagno violento e dagli obblighi che per colpa sua la incateneranno una volta diventata madre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso