17 Luglio Lug 2017 1518 17 luglio 2017

Camilla ha 70 anni, e ora piace

La seconda moglie di Carlo ha tagliato questo importante traguardo. Per molto tempo odiata dai fan di Lady D., ora si racconta e si fa conoscere con una nuova biografia.

  • ...
Carlo e Camilla d'Inghilterra

Sono stati giorni di festeggiamenti per la famiglia reale inglese. Per il 70esimo compleanno di sua moglie Camilla, Carlo non si è risparmiato nelle celebrazioni, organizzando due party in una sola settimana. Il primo si è svolto giovedì 13 nel giardino della Clarence House, dove i Principi del Galles vivono insieme dal loro matrimonio. La replica due giorni dopo, in una location diversa: nella loro residenza nel Gloucestershire, Highgrove House, i due hanno accolto 250 invitati, fra amici e parenti. Moltissimi, ovviamente, i volti noti: oltre ai principi William e Harry erano presenti anche molte star dello spettacolo, come l'inglesissima Maggie Smith.
L'altra donna del re per eccellenza, Camilla Shand, meglio conosciuta con il nome del primo marito, Parker Bowles, compie  70 anni. La relazione fra lei e Carlo d'Inghilterra è tra le più chiacchierate degli ultimi anni, spesso con toni non certo gentili. Se fossero stati i protagonisti di un film di Nicholas Sparks, i due avrebbero fatto sognare migliaia di spettatori: una storia d'amore lunga un vita, un ricongiungimento arrivato dopo i rispettivi matrimoni e figli. Il destino che trionfa, le metà della mela che combaciano. Nella realtà, però, Camilla ha dovuto fare i conti con una controparte non semplice da gestire: la bella e dolce Lady D., la principessa del popolo che durante gli Anni '90 ha incantato tutto il Regno Unito e che ha finito per sposare l'uomo che lei amava. Così la Parker Bowles è passata dall'essere potenziale eroina romantica a sbeffeggiata e odiata mangiauomini.

Quando nel 2005 lei e l'attuale Principe del Galles convolarono a nozze, i commenti di stampa e popolazione non furono clementi con lei: considerata bruttina rispetto a Diana, in un'età ormai non più da matrimonio, come poteva esser rimasta per tutto questo tempo nel cuore di Carlo? La sua popolarità era molto bassa (solo il sette per cento del Regno Unito la voleva vedere sul trono), ma ora che ha raggiunto i 70 anni sta iniziando a ri-guadagnarsi la fiducia degli inglesi.

LA RISCOPERTA DEL PERSONAGGIO
Nel suo ultimo libro, The Duchess: The Untold Story, la biografa di corte Penny Junor ridà un'immagine di Camilla nuova, facendo luce su una donna che per anni aveva preferito restare nell'ombra, evitando di rispondere alle provocazioni che Diana non mancava di lanciarle. In un'intervista del 1995 la madre di William e Harry disse che il suo era sempre stato un matrimonio  «un po' troppo affollato», spiegando i motivi del divorzio.
Autoironica, positiva, solare: sarebbe stata la sua sicurezza a far innamorare Carlo durante quel primo incontro nel 1971.  Nell'infazia piena di affetto e calore della Duchessa di Cornovaglia, così diversa da quella cupa e solitaria del figlio di Elisabetta, Penny Junor riconosce un altro motivo fondante del fascino che Camilla ha sempre avuto sul marito.
Non solo la stampa la sta 'riscoprendo': anche il consenso popolare è aumentato in modo considerevole rispetto a quel sette per cento di dodici anni fa. A oggi i sondaggi dicono che il 39% degli inglesi vorrebbe vederla sul trono, anche se è molto probabile che non vi accederà col titolo di regina. Secondo molti Camilla si fregerà del titolo di principessa consorte, continuando a mantenere quel basso profilo che le ha fatto preferire il nome di Duchessa di Scozia e Duchessa di Rothesay a quello di Principessa di Galles, nella memoria comune legato alla figura di Diana.

PERCHÈ ORA CAMILLA PIACE?
Se nessuno si chiede più come Carlo abbia potuto sempre preferire lei a Lady D., cosa hanno imparato ad apprezzare di lei gli inglesi? Diversi articoli e interviste la descrivono come una settantenne dinamica, alla mano, che agli impegni di corte preferirebbe (ovviamente) gli impegni con i nipoti, ma che non si tira indietro davanti ai doveri regali. Che non sono pochi: solo nell'ultimo anno la coppia ha rappresentato la corona inglese in 221 occasioni, in patria e all'estero. Molti giornalisti vedono in lei la stessa genuinità e lo stesso coinvolgimento che avevano contraddistinto gli impegni sociali di Diana. Le cause che le stanno più a cuore riguardano la salvaguardia delle donne vittime di abusi e la lotta alla mutilazione genitale femminile. A tal proposito, dal 2015 è diventata presidente del Women of the World Festival, una manifestazione a livello mondiale che valorizza l'empowerment femminile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso