3 Luglio Lug 2017 1932 03 luglio 2017

Il pop israeliano parla arabo

Le A-WA, girl band formata da tre sorelle di origini yemenite, sta conquistando tutto il Medio Oriente. Dando, nel suo piccolo, una speranza di pace in un territorio martoriato dai conflitti.

  • ...
Musica: ecco le A-WA, quando Israele canta in arabo

Mettete insieme tre sorelle, sonorità elettroniche e hip hop, l'atmosfera vibrante di Tel Aviv e un pizzico di Yemen. Aggiungete poi l'ingrediente speciale, la lingua araba. Mescolate tutto con cura e otterrete il trio tutto al femminile delle A-WA. Una girl band israeliana che, dopo aver pubblicato il primo album Habib Galbi nel 2016, continua a riscuotere grande successo dal vivo.

TUTTO GRAZIE AI NONNI
Le tre sorelle che formano le A-WA si chiamano Tair, Liron e Tagel Haim e hanno rispettivamente 34, 31 e 28 anni. Oggi vivono a Tel Aviv, la città più moderna del Paese, ma sono nate e cresciute a Shaharut, piccola comunità vicino al confine con la Giordania. I loro nonni, originari dello Yemen, emigrarono in Israele negli Anni '40 ed è proprio grazie a loro che si sono appassionate alla musica: quando andavano a trovarli ad Hadera, infatti, rimanevano incantate dal dialetto giudeo-arabo che parlavano tra di loro e dalla musica tradizionale yemenita che ascoltavano insieme, come Shlomo Moga'a, che negli Anni '50 per primo iniziò a registrare il patrimonio musicale del suo Paese.


LO YEMEN NEL DESTINO
Tair, Liron e Tagel devono molto a un'altro artista che, come loro, ha origini yemenite: Tomer Yosef, leader dei Balkan Beat Box, che, dopo aver ascoltato un po' del loro materiale, ha deciso di fornire alle tre sorelle Haim le sonorità per i sislulim, i caratteristici vocalizzi tipici della canzone israeliana. Da questo incontro alla pubblicazione del primo album, Habib Galbi, il passo è stato breve. E il successo non si è fatto attendere, grazie a 12 tracce che mescolano sapientemente hip hop, elettronica e arab-folk: emblematico il brano che dà il titolo all'album, una hit che riprende una antica melodia yemenita.

UNA MOSSA AZZARDATA
La vera particolarità delle A-WA è che, in un periodo storico complicato come questo, pur essendo israeliane hanno provato ad avere successo (riuscendoci) cantando in arabo. Una mossa azzardata, ma che ha permesso alle ragazze di essere trasmesse nelle radio dell'intero Medio Oriente. D'altra parte, anche il nome del gruppo non è certo israeliano doc: «A-WA è uno slang arabo. Lo sentivamo pronunciare dalle nonne yemenite. È una chiamata a tirarsi su, come dire 'Yallah', balliamo», hanno raccontato all'Ansa: «Ha il suono dell'energia e un tono accattivante: facile da pronunciare e ricordare. Corrisponde perfettamente al nostro spirito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso