27 Febbraio Feb 2017 1647 27 febbraio 2017

Con loro la scenografia è cult

Nel corso degli anni hanno collaborato più volte con Quentin Tarantino e Wes Anderson. Poi nel 2016 Damien Chazelle li ha voluti per La La Land. Ecco chi sono David Wasco e Sandy Reynolds, una coppia da Oscar.

  • ...

La La Land non si è aggiudicato la statuetta più ambita, quella riservata al miglior film, andata a Moonlight. Ma ha comunque portato a casa sei Oscar (su 14 nomination): miglior regista, attrice protagonista, colonna sonora, canzone originale, fotografia e scenografia. Un premio, quest'ultimo, consegnato a David Wasco e Sandy Reynolds, coppia di scenografi sul lavoro e anche nella vita, visto che sono marito e moglie.

DUE FORTUNATE COLLABORAZIONI
I tarantiniani di tutto il mondo devono molto a questa coppia di scenografi: i due hanno infatti collaborato più volte con Quentin Tarantino, affiancandolo sul set di pellicole come Le Iene, Pulp Fiction, Jackie Brown, Kill Bill e Bastardi senza gloria. David Wasco e Sandy Reynolds, però, si sono guadagnati la stima anche di un altro regista cult, Wes Anderson, con cui hanno lavorato tre volte: in ordine cronologico, per Un colpo da dilettanti, Rushmore e I Tenenbaum.

IL CORONAMENTO DI UNA CARRIERA
Altra collaborazione importante, 'lunga' finora tre film, è quella con David Mamet, che li ha voluti per Oleanna, Il colpo e Redbelt. Nel corso della loro carriera, la coppia (lei in particolare è set decorator) si è inoltre occupata della scenografia di She's So Lovely, diretto da Nick Cassavetes, e di Collateral, girato da Michael Mann. In ordine di tempo, prima di La La Land gli ultimi lavori degli David Wasco e Sandy Reynolds sono stati Rampart, 7 psicopatici e Cinquanta sfumature di grigio. La statuetta ricevuta al Dolby Theatre, decisamente il coronamento di una carriera, è stata anticipata da altri riconoscimenti che, insieme a numerose nomination in altri premi, lasciavano ottime speranze per la grande notte degli Oscar: il Critics' Choice Award, l'Art Directors Guild Award e il Satellite Award.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso