24 Febbraio Feb 2017 1448 24 febbraio 2017

Bella senza barriere

Justine Clark è costretta su una sedia a rotelle dal 2014 a causa di una deformazione alla gambe. Questo non le ha impedito, però, di partecipare a Miss World Australia. «Una sedia a rotelle non mi definisce e non mi limita».

  • ...
justine-clark

Bionda, bellissima e anche coraggiosa. Soprattutto perché con la sua determinazione Justine Clark ha sfidato quei tabù e preconcetti che esistono tanto sulle passerelle quanto nel mondo dei concorsi di bellezza. Il tutto restando semplicemente se stessa. «Sogno che un giorno, non troppo lontano, i concorsi di bellezza diventino anche un’esperienza di inclusione e giustizia per tutti», ha detto tra le lacrime. Un pianto felice dato che la 26enne è infatti la prima ragazza costretta su una sedia a rotelle a partecipare al concorso di Miss World Australia. «Per qualsiasi persona come me anche poter partecipare è una grande cosa, spero che questo mandi un messaggio, che non importa quale sia la tua razza, taglia o disabilità, tu sei bella», ha aggiunto.

VERA COMBATTENTE 
Justine è sulla sedia a rotelle da due anni a causa di una deformazione alla parte inferiore delle gambe. Questo però non le ha impedito di inseguire i suoi sogni e nonostante non sia in finale come concorrente, è stata lo stesso chiamata a partecipare come Miss World’s Beauty with a purpose per raccogliere fondi destinati per un’associazione di beneficenza dedicata ai bambini. «Una sedia a rotelle non mi definisce e non mi limita. Posso ancora essere forte, femminile e bella».

VOLTARE PAGINA
A portarla a iscriversi alla competizione la volontà di dimostrare che la bellezza non ha confini. «Ero così nervosa per l'iscrizione al concorso... Non avevo mai fatto una cosa simile. Ma allo stesso tempo ero anche molto eccitata quando i giudici hanno deciso di accogliermi nonostante la mia disabilità», ha spiegato a Glamour. «È davvero bello sapere che così tante persone in tutto il mondo stanno sostenendo la mia causa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso