3 Gennaio Gen 2017 1737 03 gennaio 2017

Una '2000' da record

Destanee Aiava è la prima tennista nata nel nuovo millennio a vincere un match del tabellone principale di un torneo Wta. È successo al Brisbane International. E ora sogna di sfidare il suo idolo agli Australian Open.

  • ...

Nata a Melbourne, ma originaria delle Isole Samoa, la 16enne Destanee Aiava è la prima tennista nata negli Anni 2000 ad aver vinto un match nel tabellone principale di un torneo Wta. Ci è riuscita al Brisbane International, che ha aperto la stagione sul cemento australiano, dove ha battuto (dopo aver passato le qualificazioni) la statunitense Bethanie Mattek-Sand. Una piccola impresa quella di Destanee, che da numero 387 del ranking mondiale ha superato la numero 177, più grande di ben 15 anni e oro olimpico di Rio nel doppio misto.

SOGNANDO SERENA
Figlia del māori Mark, ex sollevatore di pesi e oggi istruttore di arti marziali, e di Rosie, ex giocatrice di rugby e kickboxer, Destanee è nata il 10 maggio 2000. Praticamente in mezzo ai guantoni. Ma a soli cinque anni ha 'scelto' il tennis dopo aver visto in tivù Serena Williams (fresca promessa sposa) vincere il suo secondo Australian Open. Come il suo idolo, la giovanissima tennista punta molto sul fisico potente, ereditato dai genitori. E chissà che le due non possano presto affrontarsi, visto che, grazie al titolo vinto ai campionati australiani under 18, Destanee si è assicurata un posto agli Australian Open, al via il 16 gennaio.Stabilendo un altro record, essendo stata la prima tennista nata negli Anni Duemila a riuscirci: «Sono entusiasta di avere la possibilità di giocare nel mio Slam preferito. Vorrei affrontare Serena Williams, è il mio idolo, sarebbe una bella esperienza», ha dichiarato.

ORA LA KUZNETSOVA
Intanto, meglio concentrarsi sul cammino che la attende a Brisbane, dove il 3 gennaio sfida la russa Svetlana Kuznetsova, numero 9 del ranking mondiale e quinta favorita del torneo. Comunque vada, il 2017 di Destanee è già un successo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso