3 Gennaio Gen 2017 1419 03 gennaio 2017

Gli scatti regali di Kate

La duchessa di Cambridge è appassionata di fotografia. Con un certo talento. Al punto che, grazie ai ritratti dei figli pubblicati su Twitter, è stata nominata membro a vita della prestigiosa Royal Photographic Society. Con qualche polemica.

  • ...
kate foto

Lo possiamo dire fin dall'inizio, senza malignità: se non fosse moglie del principe William, Kate Middleton non sarebbe mai stata nominata membro a vita della prestigiosa Royal Photographic Society. E invece la duchessa di Cambridge ha proprio ricevuto questa onoreficenza, senza aver vinto nessuno dei concorsi fotografici istituiti dalla società, fondata nel 1853: finora, nessuno c'era mai riuscito. C'è da dire che l'onoreficenza non cade proprio dal cielo. Kate Middleton ha da sempre una grande passione per la fotografia, che negli ultimi anni ha sfogato ritraendo prima George (diventato un idolo social) e poi la secondogenita Charlotte. E gli scatti, condivisi sull'account Twitter Kensington Palace, hanno fatto il giro del web. Anche il ritratto della neonata principessina con il fratello maggiore, foto che avrebbe dovuto fare un professionista, almeno secondo l'etichetta.

UNA NOMINA CON POLEMICHE
«La duchessa di Cambridge ha da sempre un grande interesse per la fotografia e la storia. È solo l'ultima di una lunga dinastia di fotografi reali e la nostra società è felice di premiare il suo talento», ha dichiarato Michael Pritchard, amministratore delegato Royal Photographic Society. Sarà, ma la decisione non è piaciuta a tutti. Tra gli scontenti c'è la fotografa Amy Robinson, anche lei membro della società: «Questa onoreficenza dovrebbe essere riservata a chi lo merita davvero». A far storcere il naso è anche il fatto che Kate Middleton, oltre a essere diventata membro a vita, sarà anche esentata dal pagamento della tassa annuale della Royal Photographic Society, pari a 108 sterline. Nella gallery di LetteraDonna, alcuini degli scatti più belli di Kate Middleton.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso