29 Dicembre Dic 2016 1852 29 dicembre 2016

La dietologa dei Reds

Mona Nemmer ha una missione: nutrire in modo sano i giocatori delle squadre che l'hanno ingaggiata. Ora si trova a Liverpool e i tifosi sostengono che il buon momento del team sia anche merito suo.

  • ...
mona nemmer

Subito dopo il Chelsea dei record targato Antonio Conte, in Premier League (il massimo campionato inglese) viene il Liverpool. La squadra del tedesco Jurgen Klopp sta infatti tallonando i blues dando vita a un duello a distanza che, gara dopo gara, sta tenendo col fiato sospeso tutti gli amanti del calcio nel Regno Unito. E nella città dei Beatles c'è chi dà il merito di questa impresa alla nutrizionista tedesca Mona Nemmer. Che fino alla stagione passata - quella 2015/2016 per intenderci - era in forze nientemeno che al Bayern Monaco. Vero, la dieta non può far diventare un brocco un campione ma, e di questo la Nemmer ne è convinta, può senza dubbio migliorare le prestazioni atletiche.

CIBI SCELTI
Così a Liverpool Mona Nemmer ha portato la sua scuola di pensiero. Basata principalmente sulla scelta di cibi accuratamente selezionati. Ecco che sul menù giornaliero dei Reds compaiono carne biologica inglese e pesce proveniente rigorosamente dalla Scozia, succhi di frutta naturali, muesli e tante insalate a chilometro zero. Tra i cibi banditi ci sono il pomodoro e le uova anche se solo il giorno prima della partita. I dolci sono consentiti, a patto che gli ingredienti alla base siano di alta qualità. Via quindi cibi precotti, surgelati o ricchi di conservanti.

IDEA MANIACALE
E che la dieta fosse un chiodo fisso della Nemmer lo si capisce anche dalla cucina che la donna ha voluto far montare ad Anfield, lo storico stadio del Liverpool. Si tratta di una linea semplice pronta a sfornare piatti equilibrati e genuini al termine del triplice fischio di ogni match. Ma attenzione, per ogni calciatore Mona Nemmer ha ideato una ricetta in base ai dati sul peso, massa muscolare ed età. Il tutto per permettere al metabolismo di rimettersi al meglio al termine di ogni sforzo. Perché mangiare cibo sano, sostiene Nemmer, è l'anticamera della vittoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso